Auto elettriche, Tavares «Costi insostenibili, a rischio posti di lavoro»

884 0
884 0

Le auto elettriche manderanno a rotoli il comparto automotive? Ci sono forti dubbi, certificati da Carlos Tavares, CEO di Stellantis. A parere del quale i Costruttori non sono in grado di sostenere i costi della transizione elettrica alla velocità richiesta dagli investitori e soprattutto governi europei.

Le spese, enormi da affrontare, collidono con la conservazione di molti posti di lavoro e con la qualità delle auto, che avranno listini più alti. Due fattori che mettono a forte rischio l’industria delle quattro ruote.

Non ci sono molti margini di manovra. Nei mesi scorsi il numero uno Toyota, Akio Toyoda, aveva espresso contenuti simili.

Le parole di Tavares durante l’evento Reuters Next

Ciò che viene imposto all’industria dell’automobile è una elettrificazione che alza del 50% i costi di produzione rispetto a una vettura convenzionale. Non possiamo portare questo 50% in più dei costi sul consumatore finale. La classe media, nella sua maggior parte, non sarà in grado di affrontare una spesa del genere”.

Maserati Grecale su strada con Carlos Tavares, CEO di Stellantis
Maserati Grecale su strada con Carlos Tavares, CEO di Stellantis

Il dirigente ha indicato due percorsi. O aumentare il prezzo di listino e prepararsi a vendere meno auto o pensare a margini più bassi. Pericolosi per un  settore che già ora ha pochi spazi di manovra. Altrimenti la strada è drammatica: eliminare posti di lavoro.

La corsa all’elettrico è troppo rapida. “Provocherà molti problemi – ha aggiunto Tavares – di ogni genere. Le pressioni esterne stanno portando l’industria dell’auto al limite. Per non ridurre la forza lavoro nei prossimi cinque anni la produttiva dovrà essere aumentate del 10% l’anno. Un ritmo non naturale per il settore, che è abituato a fare incrementi del 2% o 3%. Questo lasso di tempo ci dirà chi riuscirà a farlo e chi fallirà”.

Non usa mezze parole il numero uno di Stellantis. I prossimi anni rischiano di provocare enormi scossoni, economici e sociali.

Leggi ora: nuova Opel Astra Wagon

Ultima modifica: 3 dicembre 2021