Suzuki Ignis Hybrid 4×4, la prova della terza serie

873 0
873 0

Suzuki Ignis Hybrid 4×4 festeggia il centenario del Marchio che propone un’intera gamma ibrida. E con la prima presentazione-auto del dopo Covid.

Accade nel verde di un Golf Club a pochi chilometri dalla reggia sabauda di Venaria reale. E’ l’occasione per una festa doppia, con il battesimo della terza generazione di Ignis.

Suzuki Ignis Hybrid 4x4

Scarica ora: Listino Suzuki Ignis 2020

Il Suv ultracompatto giapponese (3,70 metri di tecnologie, stile e versatilità) cambia look ma soprattutto anima. D’ora in avanti sarà disponibile solo in versione ibrida: una scelta ecologica (89 g/km di emissioni) e pratica ad un tempo.

Perché Ignis, come le sorelle Baleno, Swift, S-Cross e Vitara, non ha bisogno di ricarica. Il sistema ideato da Suzuki, infatti, rigenera da solo l’energia elettrica e permette un risparmio pari al 17% nel ciclo misto e del 26,3 % in quello urbano.

Ciò avviene grazie a un sistema ibrido migliorato (l’amperaggio della parte elettrica passa da 3 a 10) e al nuovo motore 1.2 benzina che, con cambio manuale a 5 marce, consuma 3,9 litri/100 km. Il salto di qualità rispetto all’ibrido precedente è del 9%.

Ma il biglietto da visita di nuova Ignis non si ferma certo al capitolo risparmi. L’auto ha un design è più moderno e grintoso. La griglia a cinque elementi verticali è più imponente, i passaruote muscolosi, i fanali allungati.

Suzuki Ignis Hybrid 4×4, aspetto da SUV

L’impostazione da Suv è enfatizzata dall’aumento dell’altezza di 1 centimetro, grazie a un incremento di escursioone delle sospensioni. Ne deriva un maggior comfort sulle superfici sconnesse, siano strade di campagne o buche dell’asfalto.

Nuovo anche il design dell’abitacolo, più sobrio meno colorato con inserti in blu scuro oppure argento. Molto generosi gli spazi interni (il bagagliaio arriva fino a 360 litri), a dispetto delle ridotte dimensioni. Guida in posizione elevata e perfetta visibilità .

La vera novità è il brillante motore K12D: un 4 cilindri benzina da 83 cv che, sostenuto dal sistema Suzuki Hybrid (alternatore, motorino di avviamento e motore elettrico insieme) eroga una coppia aggiuntiva che porta l’auto fino a 165 km orari.

Scarica ora: Scheda Tecnica Suzuki Ignis 2020

L’aumento dell’amperaggio da 2 a 10 Ah rende Ignis più vivace e reattiva. La spinta aggiuntiva si misura in particolare lungo le salite e nei tratti offroad. Suzuki si conferma un vivace fuoristrada sia nella versione a trazione anteriore che nella 4X4 Allgrip.

Tra le novità c’è anche il cambio CVT con sette rapporti virtuali abbinato alla versione Top a due ruote motrici. Completa l’identikit un sistema di assitenza alla guida che dichiara i suoi intenti già dai nomi degli Adas: «Attento frena», »Resta sveglio», «Guida dritto». Il prezzo parte da 16.500 euro.

Giuseppe Tassi

Suzuki Ignis Hybrid 4×4, la galleria fotografica

Leggi anche: Suzuki Ignis, la presentazione

Ultima modifica: 23 giugno 2020

In questo articolo