Storie Alfa Romeo, la 156 è la berlina perfetta nel design. Una vera Alfa | VIDEO

648 0
648 0

Alfa Romeo 156, è rimasta nel cuore di molti, anche di chi scrive, che ne ha possedute due: una 2.0 Twin Spark e una 2.5 V6 “Busso”, guidate con estremo piacere. 

Una berlina perfetta nel design, capolavoro del maestro Walter de Silva, e godibilissima nella guida. A trazione anteriore, ma con un uno schema sospensivo di altissimo livello.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, settima puntata

L’ottava puntata di Storie Alfa Romeo, a due settimane dal 110° compleanno, è dedicata, assieme alla storia del Marchio a partire dal 1972 fino al 1997, a una delle auto più belle degli ultimi trenta anni.

Alfa Romeo 156, 2.5, il mitico V6 "Busso"
Alfa Romeo 156, 2.5, il mitico V6 “Busso”.

Berlina dal cuore sportivo

Quasi un milione di persone in concessionaria nella prima domenica di “porte aperte”. Oltre 100 mila ordini in pochi mesi. 680mila vendite complessive tra il 1997 e il 2005. Numeri che fanno della 156 una delle Alfa Romeo di maggior successo della storia.

La 156 viene presentata alla stampa internazionale nel 1997, al Centro Cultural de Belém di Lisbona. Le intenzioni dell’azienda sono dichiarate: creare una berlina che unisca l’eccellenza di stile a un comportamento dinamico ineccepibile, in perfetto equilibrio tra prestazioni e handling. Una formula di prodotto al 100% Alfa Romeo.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, sesta puntata

L’obiettivo è molto ambizioso – e il risultato è una delle migliori auto a trazione anteriore di sempre. Centrato.

 

Alfa Romeo e la trazione anteriore

L’auto nasce a trazione posteriore – ma fin dagli inizi, l’ipotesi della trazione anteriore affascina i progettisti. L’idea si affaccia in Alfa Romeo nel primo dopoguerra. Satta Puliga e Busso sono convinti delle potenzialità di questa soluzione, e avviano un programma di sviluppo che punta a fare della 1900 la prima trazione anteriore della Casa. L’azienda decide però di andare in un’altra direzione: All’inizio degli anni cinquanta si inizia a pensare a una “vetturetta” Alfa Romeo, la “V”, una trazione anteriore per cui vengono studiati diversi tipi di motorizzazione.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, quinta puntata

Nessuno di questi progetti arriverà peròall’industrializzazione.La decisione è solo rimandata. Alfa Romeo vuole allargare la gamma con un modello al di sotto della Giulietta: una compatta “tutto avanti” in grado di far decollare i volumi.

A seguire il nuovo progetto l’azienda richiama Rudolf Hruska, il “padre” delle Giuliette. A lui Alfa Romeo affida una doppia responsabilità: disegnare contemporaneamente la nuova vettura e lo stabilimento in cui deve essere costruita. Così nasce l’Alfasud,la prima trazione anteriore Alfa Romeo.

Alfasud nasce “da foglio bianco” e “da prato verde”: è uno dei non frequenti casi in cui una fabbrica di automobili viene progettata e costruita per produrre uno specifico modello. La vettura non ha vincoli tecnici da rispettare, se non essere fedele ai suoi obiettivi di prodotto.

“Era scontato che fosse a trazione anteriore. E doveva essere un’utilitaria di lusso, una vettura a 5 posti con bagagliaio molto capiente”. Così Hruska descrive il progetto qualche anno dopo.

Arriva il boxer

Il motore 1.2 litri “boxer” (a cilindri contrapposti) viene preferito al 4 cilindri in linea perché più basso, e più adatto a un profilo aerodinamico. L’inedito body due volumi nasce per migliorare l’accesso al bagagliaio, che raggiunge 400 litri anche grazie alla posizione del serbatoio – collocato sotto il sedile posteriore anziché tra sedile e vano bagagli. Una impostazione innovativa, funzionale e sicura che fa subito scuola.

Alfasud è la prima commessa importante di Giorgetto Giugiaro e si rivelerà un grande successo commerciale. Per rispettare tutti i vincoli di spazio e dimensione, il giovane stilista inventa la caratteristica “coda alta”, e la collega al frontale aerodinamico con una linea semplice e filante.

Alfasud entra in produzione nel 1972, l’anno in cui il Marchio supera il milione di unità dalla fondazione. Da sola riuscirà quasi a eguagliare questo record, con 900.925 esemplari prodotti tra il 1972 e il 1984 (senza contare le versioni Sprint). È l’Alfa Romeo più venduta di sempre.

 

Dalla razionalizzazione produttiva alla centralità del marchio

Nel 1986 l’IRI (proprietaria di Alfa Romeo dal 1933) cede il Marchio al Gruppo Fiat – e, come in tutti i processi di integrazione industriale, i primi anni sono dedicati alla razionalizzazione delle catene produttive e di fornitura.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, quarta puntata

Negli anni ottanta, per tutte le Case la parola d’ordine è “sinergie”. Processo e prodotto sono sempre più standardizzati. Molti componenti vengono condivisi per ragioni di costi. Ai designer si chiede di rispettare vincoli rigidi (come le dimensioni dell’anello porte), che condizionano fortemente la creatività.

Negli anni successivi, queste regole si allentano. I clienti non amano l’eccesso di omologazione, e vanno alla ricerca di auto più riconoscibili. La personalità del Brand torna a pesare nella scelta. È una svolta che cambia la storia della progettazione auto di fine secolo.

Le mitiche Alfa Romeo 155 GTA in azione
Alfa Romeo 155 GTA in azione

Guida sportiva, prestazioni, innovazione (e stile)

Per Alfa Romeo, è un ritorno alle origini. Il primo passo per rilanciare le caratteristiche distintive del Marchio è far rinascere Alfa Corse, la gloriosa scuderia dove aveva mosso i primi passi anche il giovane Enzo Ferrari. Nel 1993, la 155 GTA partecipa al DTM, il campionato turismo in Germania, e lo vince con Nicola Larini – che arriva primo in 11 gare su 20, e riporta Alfa Romeo sul gradino più alto del podio del Nürburgring.

Ancora più importante è il contributo del design. La 164 del 1987, prima ammiraglia a trazione anteriore del Marchio, è firmata da Pininfarina – ma da quel momento in avanti si fa sempre più importante il ruolo del Centro Stile Alfa Romeo.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, terza puntata

Ad Arese cambiano le tecnologie, cambiano le persone, cambia il processo. Vengono introdotti nuovi sistemi “computer-assisted” per la progettazione e il prototyping.. Il team del Centro Stile viene integrato nelle piattaforme progettuali, e partecipa a tutte le scelte tecnologiche – perché quello che è funzionale deve anche essere bello, e viceversa. Forma e sostanza vanno sempre insieme: è la “bellezza necessaria” Alfa Romeo.

 

Disegnare una nuova gamma

Al Centro Stile non viene commissionato un modello soltanto, ma il progetto di una gamma completa. E in pochi anni il sogno si avvera. Nel 1995 il Marchio porta nel segmento “C” una inedita due volumi (la 145), a cui l’anno successivo affianca la versione due volumi e mezzo (la 146).

Seguono le sportive GTV e Spider, realizzate in collaborazione con Pininfarina. Ma la vera svolta è con la 156.

Lo stile della 156 è un sorprendente mix di forza, innovazione e classicità. Lo scudo riprende importanza, e proietta le sue linee sul cofano. In vista frontale, i parafanghi “cadono sulle ruote” a filo carrozzeria, per comunicare robustezza e aderenza a terra. Il rapporto tra superfici vetrate e metallo è più da coupé che da berlina.

La fantastica 156

Uno stile perfetto

Scompaiono le maniglie posteriori, integrate in modo quasi invisibile nella cornice dei finestrini, e la fiancata pulita evidenzia il profilo slanciato e dinamico della vettura. “Sembra che si muova anche quando sta ferma” commenta de Silva.

La 156 riprende la ricerca cromatica che già era stata caratteristica di Carabo e Montreal. I designer Alfa Romeo trovano ispirazione nella collezione del Museo, conservata nello stesso edificio di oggi: osservando il colore della 8C 2900 B del 1938 inventano l’azzurro “Nuvola”, ottenuto con una vernice micalizzata a più strati che dà alla vettura riflessi iridescenti.

 

Sportività evoluta: la migliore in strada e in pista

156 è un’auto straordinaria anche dal punto di vista tecnico. Ai progettisti viene chiesto di sviluppare il concetto di “sportività evoluta” combinando potenza, leggerezza e controllo. È da sempre la formula della guida Alfa Romeo.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, seconda puntata

Per raggiungere questo obiettivo, vengono introdotti nuovi materiali (come il magnesio e gli acciai “tailored blank”), vengono progettati sistemi di sospensioni molto raffinati (come il quadrilatero alto anteriore), viene soprattutto dedicata una cura particolare alla messa a punto meccanica, per esaltare lo handling e la precisione delle traiettorie.

La 156 mette d’accordo tutti: è la berlina più divertente da guidare della sua generazione. E la sua versione sportiva vince ben 13 titoli in 10 anni nei campionati Turismo.

 

Un altro primato, la nascita del “common rail”

Al lancio i propulsori sono sei. Il V6 Busso viene affiancato da tre motori “Twin Spark” che per la prima volta combinano la doppia accensione (una tecnologia già utilizzata da Giuseppe Merosi nel 1914) con quattro valvole per cilindro.

Secondo le regole del mercato europeo di allora, l’offerta a benzina prevale; ma queste regole stanno per cambiare. Sarà proprio Alfa Romeo a dare inizio alla rivoluzione: la 156 è la prima auto del mondo a lanciare i Diesel l “common rail”.

Leggi anche: Storie Alfa Romeo, prima puntata

I giornalisti che provano le versioni 1.9 e 2.4 JTD a Lisbona rimangono a bocca aperta: per la prima volta i motori diesel offrono prestazioni, silenziosità e comfort “da benzina”.

 

“Auto dell’Anno”

La 156 convince pubblico e critica, e nel 1998 porta per la prima volta in casa Alfa Romeo il riconoscimento internazionale “Auto dell’Anno”. La sorella minore 147 (che condivide non solo il “family feeling” stilistico, ma anche pianale, sospensioni e motori) la seguirà pochi anni dopo, vincendo lo stesso premio nel 2001.

Storie Alfa Romeo, la 156 e la sua epoca, la galleria fotografica

Ultima modifica: 11 giugno 2020

In questo articolo