smart EQ, una elettrica a Roma. Prova della citycar per eccellenza | VIDEO

1406 0
1406 0

Non tutti sanno che smart nella mente di Nicolas Hayek, mister Swatch, e nei primi piani del “socio” Mercedes-Benz era elettrica. Dalle idee iniziali del 1991, la concept car MCC (Micro Compact Car) sino all’arrivo sul mercato nel 1998 non ci fu abbastanza tempo per sviluppare la tecnologia. Ora smart EQ completa il suo ritorno al futuro.

Dal 1° gennaio 2020 tutte le smart prodotte sono al 100% elettriche, fedeli al concetto originale di auto compattissima, 2,70 metri di lunghezza e due posti ospitali, ma a zero emissioni. Agilissima, parcheggiabile, è più corta di quasi un metro rispetto a molte citycar, e silenziosa: scusate se è poco.

Smart EQ by night, la grande bellezza al Colosseo © Remo Casilli

Si conferma la quattro ruote urbana per eccellenza e continua il suo rapporto speciale con la Città Eterna, Roma. Sono fatte l’una per l’altra, oggi ancora di più con la transizione energetica in atto.

L’ascesa dell’auto elettrica non è travolgente, ma è costante: da un irrisorio 0,26% del mercato del nuovo nel 2018 è passata a un non trascurabile 3,42% nei primi sei mesi del 2021.

Con Smart EQ nel Belpaese seconda solo a Fiat Nuova 500 tra le piccole, avendo triplicato le vendite rispetto allo scorso primo semestre.

Smart EQ by night, la grande bellezza. Davanti all’Altare della Patria. © Remo Casilli

Certo, i numeri non sono ancora quelli delle versioni a motore termico, ma basta dire che tutte le Smart elettriche che il Gruppo Daimler destina all’Italia non bastano a soddisfare la domanda.

Detto questo l’elettrico è il futuro: non si torna indietro. E Smart EQ è il passo più diretto. La piccola da città, come è nei piani delle principali amministrazioni.

Virginia Raggi, sindaco di Roma e Radek Jelinek, presidente e Ceo di Mercedes-Benz Italia
Virginia Raggi, sindaco di Roma e Radek Jelinek, presidente e Ceo di Mercedes-Benz Italia. © Remo Casilli

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, presente all’incontro prima della prova su strada, ha confermato quello che è l’indirizzo di molte amministrazioni.

A Roma, come tutte le grandi città, la mobilità dovrà essere sostenibile ed elettrica. Nel 2030 gli studi dicono che il 70% delle persone abiterà nelle metropoli, quindi saranno responsabili del 70% delle emissioni. Non sarà oggi, ma in un futuro chi vorrà mantenere un’auto privata a Roma dovrà averla elettrica. La smart in questo è stata un pioniere e raccoglie i frutti. Le infrastrutture come le colonnine sono importanti, ci stiamo lavorando da anni: per i municipi centrali è complicato, ci sono vincoli archeologici che vanno rispettati”.

smart EQ, una elettrica a Roma. Prova della citycar per eccellenza 13
San Pietro. © Remo Casilli

Disponibile in quattro allestimenti, Pure, Passion Pulse Prime, con numerose serie speciali che ne caratterizzano e differenziano lo stile e la personalità, Smart EQ nella classica fortwo, anche cabrio o nella forfour, ha un prezzo a partire da 25.210 euro, con tanto di wallbox compresa nel prezzo.

Il motore elettrico da 82 cavalli e 160 Nm di coppia, abbinato a una batteria da 17,6 kWh (garantita 8 anni o 100.000 km) di capacità, promette fino a 160 km di autonomia (ciclo WLTP) e soprattutto un’accelerazione da 0 a 60 km/h in 4,9 secondi. Una brucia-semafori, sulle brevissime distanze. Da presa domestica si ricarica all’80% in 6 ore, da colonnina a 22 kW si recupera l’80% dell’autonomia in 40 minuti.

Palazzo Brancaccio. © Remo Casilli

Smart EQ per le strade di Caput Mundi

Abbiamo “conquistato” Roma con una smart EQ fortwo cabrio. Partendo dal Palazzo del Brancaccio e toccando alcuni dei punti più alti della storia e dell’arte mondiale, San Pietro, il teatro di Marcello, l’Altare della Patria, i fori Imperiali, il Colosseo, le terme di Caracalla, il Circo Massimo.

Ovviamente anche le zone ZTL, dove le auto elettriche anno libero accesso, con una tappa in Campidoglio ai Musei Capitolini, all’interno dei quali  è conservata, tra le tante meraviglie, la magnifica e originale statua dell’imperatore Marco Aurelio, l’unica riproduzione equestre del genere che ci arriva dall’antica e impareggiabile Roma.

Smart EQ by night, la grande bellezza. Musei Capitolini, la statua originale dell’imperatore Marco Aurelio. © Remo Casilli

In tutto questo splendore smart EQ è stata la compagna perfetta. Scattante, pronta a infilarsi ovunque, facilissima da portare. Nel suo habitat ideale, senza remore per il traffico, letteralmente da dribblare.

Abbiamo iniziato con 111 km di autonomia e dopo tre ore abbiamo concluso il test con 107 km residui: il recupero di energia funziona. Smart EQ e Roma sembrano proprio fatto l’una per l’altra. La due posti elettrica resta l’asso di briscola assoluto per i brevi tragitti: il meglio per godersi la Grande Bellezza.

Smart EQ, una notte nella città eterna con l’elettrica urbana per eccellenza

Ultima modifica: 18 luglio 2021

In questo articolo