Skoda Octavia, la prova. Top wagon per famiglie e flotte

521 0
521 0

Skoda guarda al futuro a colpi di Suv, con il piccolo Kamiq, reuccio del mercato. Ma non può dimenticare le sue icone, a cominciare da Octavia.

Prodotta in oltre 7 milioni di esemplari in tutto il mondo, la wagon più veduta in Europa nel 2016, arriva oggi alla quarta generazione. Presentando un robusto salto di qualità in termini di tecnologia, ausili alla guida e gamma motori.

Il pianale MQB permette la massima flessibilità e la produzione di modelli con ogni tipo di motorizzazione. In più non sacrifica abitabilità e spazio per il carico.

Anzi la nuova Octavia wagon stabilisce un primato in materia con 640 litri di bagagliaio. Che diventano 1.700 con i sedili posteriori reclinati.

La rivoluzione è anche estetica, perché le linee si fanno più sportive (cx 0,26), le fiancate portano solchi importanti. I sottili fari full Led disegnano un muso grintoso e ricco di personalità.

Leggi anche: Skoda Octavia G-Tec a metano, quando viaggiare costa di meno

Completamente riprogettato l’abitacolo che oggi assume un aspetto premium con materiali di alta qualità, display multifunzione da 10 pollici separato dalla plancia, nuovo volante e due razze di impronta sportiva, illuminazione a led interna a varie tonalità, clima a due zone.

Molto elevata la dotazione di sicurezza di serie, che prevede il sistema di frenata automatica con riconoscimento pedoni, il radar anteriore per garantire la distanza di sicurezza e il Lane assist per il mantenimento della corsia di marcia.

Si può aggiungere un pacchetto da 400 euro ’ACC predittivo’.  Che regola automaticamente la velocità in base alla lettura dei cartelli stradali e della cartografia della zona.

Leggi anche: Skoda Octavia RS, la famiglia si allarga con la benzina e la Diesel

La filosofia di Skoda è quella di vendere auto ben accessoriate anche nei livelli d’ingresso per mantenere alto il valore residuo dell’auto. Non è un caso che da sola la wagon Skoda abbia coperto il 40% delle vendite del marchio alle flotte aziendali nel 2019.

Completissima la gamma motori che oggi prevede due benzina (TSI 1,0 e 1.5 da 110 e 150 cv) e due diesel (TDI 2.0 da 115 o 150 cv). A questi si aggiungeranno nei prossimi mesi il G-Tec a metano, un mild-hybrid e un plug-in.

Octavia su strada: incollata in curva, comoda e silenziosa

Il test drive sui colli di Verona con il TDI 2.0 da 150 cv e cambio automatico conferma tutte le qualità di un’auto che fa riscoprire la gioia di guidare una wagon.

Incollata al suolo, perfetta in curva, risulta godibile anche sui tratti autostradali, dove è comoda e silenziosa. Al momento di spingere, il diesel è molto reattivo. E il cambio DSG asseconda con notevole fluidità la scalata delle marce in ascesa.

Con la forza della qualità e del prezzo (entry level a 24mila euro), si appresta a confermare un meritato successo.

Giuseppe Tassi

La galleria fotografica

Leggi anche: Skoda Enyaq iV, il SUV elettrico sarà presentato il 1° settembre

Ultima modifica: 27 luglio 2020

In questo articolo