Skoda mette in pista Karoq. Spazi e bagagliaio record | VIDEO

4400 0
4400 0

Skoda mette in pista Karoq, Un marchio in grande salute, come Skoda, non poteva mancare al grande banchetto dei Suv sotto le volte della fiera di Francoforte. Dopo aver lanciato con successo Kodiaq, primo Suv del brand ceko oggi nella galassia Volkswagen, tocca a Karoq finire sotto i riflettori. Intorno al nuovo Suv compatto, erede della Yeti, ruotano le strategie di Skoda anche per il mercato italiano.

Con Karoq – spiega Francesco Cimmino, direttore di Skoda Italia– completiamo l’offerta di Suv, un segmento che vale il 30% del mercato italiano con il 12-13% assorbito dai Suv compatti (segmenti B e C). Con 4,38 metri di lunghezza Karoq si colloca proprio al centro di questo comparto”.

Quali sono le caratteristiche peculiari del nuovo Suv?

Cominciamo dal sistema VarioFlex che riflette perfettamente lo spirito pratico del nostro brand. Con questo semplice meccanismo i sedili posteriori sono ribaltabili, traslabili lateralmente e amovibili. Questo consente una flessibilità totale del carico, che può passare dai 521 litri, con i sedili regolarmente al loro posto, fino a 1800 litri. Una capacità di carico davvero eccezionale”.

Skoda Karoq, foto e dati ufficiali del SUV erede della Yeti

Passiamo agli interni e all’elettronica..

“Le dotazioni di sicurezza sono al passo con i tempi e utilizzano il meglio della tecnologia del gruppo Volkswasgen. Karoq è però il primo Suv con cockpit digitale modificabile, a seconda del gusto del guidatore”.

Skoda Karoq 1
Skokda Karoq interni (Foto: Skoda)

Parliamo di motorizzazioni.

Saranno disponibili due benzina da 1.0 e 1.5. e tre diesel 1.6 da 115 cv, 2.0 da 150 cv e 2.0 da 180 cv. Da segnalare in modo particolare l’1.6 con cambio automatico DSG che rappresenta una soluzione particolarmente apprezzata dal mercato italiano. Le versioni disponibili sono sia a 2 che a 4 ruote motrici, queste uiltime abbinate ai motori più potenti“.

In questo salone così elettrico quale è la prospettiva di Karoq?

Dal 2020 arriverà una versione ibrida con alimentazione plug in. E poi ci spingeremo nel mondo elettrico con un modello che sarà molto vicino allo Skoda Vision concept presente qui al salone. Non abbiamo fatto un esercizio di stile ma abbiamo cercato di costruire un’auto vera. Dal design emozionale. Un Suv coupé a 5 porte con caratteristiche che permetteranno di vederla presto in strada“.

L’elettrica

Totalmente elettrica, Skoda Vision E Concept, farà un robusto passo avanti anche in tema di guida autonoma, dal momento che è già programmata per il livello 3. Oltre che a livello stilistico, l’inedita Škoda Vision E Concept si proietta nel futuro anche per quanto concerne la propulsione. Il prototipo, infatti, è stato dotato dal costruttore boemo di ben due motori elettrici. Che riescono a garantire una potenza combinata di 306 cv a tutte e quattro le ruote, una velocità massima di 180 km/h ed un’autonomia di circa 500 km. Vision E Concept può accelerare, frenare, sterzare e perfino evitare ostacoli improvvisi. Non solo: grazie al Car Park Autopilot può trovare un parcheggio libero e fare le relative manovre necessarie a parcheggiare da sola.

Ultima modifica: 27 settembre 2017

In questo articolo