Skoda Fabia, prova su strada. Twin color e tanto brio: solo motori benzina

2275 0
2275 0

Skoda sceglie l’aria di casa e il cuore dell’estate per presentare il restyling di un suo storico cavallo di battaglia: Fabia. Lungo le strade intorno a Praga scopriamo i connotati e le qualità della ’piccola’ ceka giunta alla sua quarta generazione. Fabia, nata nel 1999 è il modello Skoda più venduto nella storia dopo Octavia con oltre 4 milioni di unità.

In Italia i volumi sono raddoppiati negli ultimi due anni, toccando quota ottomila nel 2017. Demoliti i pregiudizi che gravavano sul marchio Skoda, oggi costola pregiata del gruppo Volkswagen, i consumatori misurano ogni giorno di più la bontà dello slogan «simply clever». Che ben si applica ai modelli del brand ceko.

Auto di elevata qualità e facile uso, con design attraente e contenuti elettronici all’avanguardia. Il tutto a prezzi contenuti. Non sfugge alla regola neppure la nuova Fabia. Rivisitata nel design frontale e posteriore secondo le linee sportiveggianti che oggi sono il segno distintivo del marchio.

Nuova Skoda Fabia
Nuova Skoda Fabia

Cambia il disegno della calandra anteriore. Più schiacciata ed evidente e i nuovi gruppi ottici sono per la prima volta disponibili con tecnologia a led. Fabia guadagna appena 5 millimetri di lunghezza rispetto alla generazione. E conferma la sensazione di una grande spaziosità interna, anche per i passeggeri che siedono sui sedili posteriori.

Il cruscotto propone strumenti circolari di facile lettura. E una mascherina che riporta le istruzioni del navigatore alla maniera di un head up display. Il touch, da 6,5 pollici riassume nella sua schermata d’ingresso tutte le funzioni con icone colorate e ben visibili che ricordano quelle degli smartphone.

I sedili sono comodi e avvolgenti, i materiali del cruscotto di buon livello, con un netto salto di qualità nell’allestimento Monte Carlo Twin Color. Il nome allude ai successi di Fabia R5 nei campionati rally WRC2 e alla carrozzeria più apprezzata dal pubblico. Che prevede tetto in colore diverso rispetto all’abitacolo. Nella Monte Carlo, contraddistinta da spoiler anteriore e diffusore posteriore nero, gli interni sono sportivi con sedili trapuntati, linee rosse che percorrono le portiere all’interno e piccoli inserti in fibra di carbonio sul cruscotto.

La Monte Carlo Twin Color

Questa Fabia top di gamma costa 18.820 euro. Contro le 14.370 della versione d’ingresso, chiamata Business e pensate per le flotte. Ma il salto di qualità è piuttosto netto, a cominciare dal motore.

Skoda Fabia: come va su strada

I tre propulsori scelti da Skoda, tutti tre cilindri 1.0 a benzina (un MPI e due turbo TSI), spaziano da 75 a 110 cv. La prova su strada conferma che per una guida briosa e accelerazioni più vivaci è preferibile il motore più potente. Che ben si abbina sia al cambio manuale a sei marce che al DSG automatico a 7 rapporti.

Sterzo sicuro e rollio limitato offrono buon comfort e in curva Fabia scivola via con eleganza. Il restyling porta con sè anche un prezioso aggiornamento degli ausili alla guida, ormai irrinunciabili anche per le auto di piccola cilindrata. Cambio di corsia, manovre in uscita dal parcheggio e assistenza all’uso degli abbaglianti sono i contenuti ereditati da auto di segmento superiore.

In concessionaria da settembre, Skoda Fabia punterà per l’Italia sulle versioni Design Edition e Twin Color, già sviluppate nel 2016 per il nostro mercato. Monte Carlo Twin Color sarà il top di gamma, con un vantaggio cliente nettamente migliorato rispetto alla gamma precedente.

Giuseppe Tassi

Nuova Skoda Fabia Wagon

Ultima modifica: 17 agosto 2018

In questo articolo