RC Auto, la professione dichiarata impatta sul costo della polizza

261 0
261 0

Tra le informazioni che le compagnie assicurative raccolgono al momento della stipula per proporre un premio coerente con il rischio, c’è anche la professione. Segugio.it, società leader nella distribuzione online di prodotti di credito e nella comparazione di prodotti assicurativi e utilities, ha effettuato sulla base dei preventivi salvati nel mese di maggio 2022, un’analisi che individua come la professione indicata influenzi il premio medio RC Auto.

La Tabella 1 evidenzia come si possa passare da un minimo di  euro290,2 per i pensionati fino ad un massimo di 659,7 euro per gli studenti, a fronte di un premio medio nazionale di 353,6 euro.

Pensionati e studenti rappresentano casi particolari, in quanto fortemente influenzati dall’età media (bassa per gli studenti e alta per i pensionati), che impatta su una serie di altre caratteristiche (esperienza di guida in primis) che rispettivamente alzano ed abbassano i prezzi. Per le altre professioni però, come ad esempio l’insegnante (295,5 euro), l’impiegato (329,3 euro) o il commerciante (415,3 euro), nonostante non siano influenzati da fattori come l’età media, permane un delta di prezzo notevole, oltre i 100 euro.

Il consumatore, durante la compilazione del modulo di richiesta del preventivo, può quindi valutare quale professione dichiarare per non incorrere in spese maggiori sulla propria polizza RC Auto. Ci sono infatti casi in cui la propria attività lavorativa può ricadere sotto più categorie lavorative, con conseguenti variazioni del prezzo RC Auto.

Alcuni esempi:

  1. Nel caso di un medico, le alternative sono di dichiararsi:

  • Libero professionista, qualora eserciti in proprio la professione, andando in media a pagare euro369;
  • Impiegato o dirigente, se assunto presso una struttura ospedaliera pubblica o privata con prezzo rispettivamente di euro329,3 e euro329,6;
  • Medico/dentista/farmacista, che presenta un premio medio di circa euro306,1;
  1. Il gestore di un esercizio commerciale può ricadere nelle seguenti categorie:

  • Commerciante, la seconda più cara in Tabella 1, con un premio medio RC Auto di circa euro 415,3;
  • Imprenditore, se si identifica sotto questa figura dal punto di vista giuridico, con un premio che scende a euro 381,9;
  • Impiegato, qualora assunto dall’esercizio commerciale stesso, scendendo così a euro 329,3.
  1. Infine, il parrucchiere o lavoratori simili come l’estetista, possono essere considerati:

  • Artigiani, caratterizzati mediamente da un premio piuttosto alto con euro 403,3;
  • Imprenditori con  euro 381,9;
  • Liberi professionisti con  euro 369.

Ultima modifica: 27 giugno 2022