Range Rover Velar, sport utility premium: eleganza e glamour | VIDEO

1001 0
1001 0

Range Rover Velar, sport utility premium. La famiglia delle Range, i SUV di lusso con ottime doti di fuoristrada arriva a quattro. Dopo la Range Rover, la Range Rover Sport e la Evoque, ecco dunque la Velar, che sarà al Salone di Ginevra.

La Range Rover Velar è il modello di congiunzione tra la Evoque e la Range Rover Sport e arriverà sul mercato italiano a fine estate a un prezzo a partire da 58.800 euro. Con quattro allestimentiStandard, S, SE e HSE.

 

Anticipata qualche giorno fa, è stata lanciata in pompa magna a Londra, con tre parole d’ordine: glamour, modernità ed eleganzaDotata di alcune finezze come  le maniglie a filo che si rientrano oltre gli 8 km/h per aiutare l’aerodinamica, o gli avanzati fari Matrix Laser Led i i grandissimi cerchi in lega, fino a 22″. Il design è un affinamento degli stilemi della Casa.

E’ dotata di scocca in alluminio e trazione integrale governata dai sistemi Terrain Response 2 (quattro modalità Eco, Confort, Erba-ghiaccio-neve, Fango, Sabbia e Dynamic) e All Terrain Control. Le sospensioni sono a doppi bracci oscillanti anteriori e retrotreno Integral Link. La Range Rover Velar punta a dare confort e prestazioni in off road.

Con una grande novità per quanto riguarda i multimedia. Il nuovo sistema Touch Pro Duo, con due display in HD da 12,3 pollici uno sopra l’altro nella consolle centrale. Quello superiore è inclinabile sino a 30°, ha di dati di navigazione, media e telefono. Quello in basso gestisce climatizzatore e  Terrain Response.

Range Rover Velar, i motori

Sono sei i propulsori della famiglia Ingenium di JLR (Jaguar Land Rover). Tutti abbinati con il cambio automatico a 8 marce di ZF (utilizzato da tanti costruttori, tra i quali Alfa Romeo e BMW). I quattro cilindri sono i turbodiesel da 180 e 240 cv e il turbo benzina da 250 cavalli (arriverà anche il 300 cv). Questo per quando riguarda i due litri. Per i V6 3.0, ci sono il diesel da 300 cv e il benzina da 380.

 

Ultima modifica: 7 marzo 2017

In questo articolo