Quanto costa trasportare l’auto in traghetto

241 0
241 0

E’ consuetudine d’estate trasportare sul traghetto anche i propri veicoli. Quando ciò accade bisogna rispettare determinate regole .

Si passi ora ad analizzare tutti gli aspetti da tenere in considerazione quando si trasporta il proprio veicolo all’interno del traghetto sul quale si viaggia. In particolare, quelli che influiscono sulla tariffa relativa al trasporto dei veicoli all’interno dei traghetti.

Regole generali

 

L’imbarco dei veicoli sui traghetti in occasione di viaggi per le vacanze o in generale per lo spostamento marittimo tramite traghetto, prevede una quota tariffaria aggiuntiva. Una quota relativa alla tipologia di viaggio  e ovviamente alla compagnia in questione, che quindi varia in continuazione a seconda di queste variabili. E’ bene precisare che si distinguono due tipologie di veicoli, ovvero i cosiddetti veicoli a seguito, che sono i veicoli utilizzati per gli spostamenti, e i veicoli per usi commerciali. Questi ultimi prevedono regole a parte e una tariffa maggioritaria. I veicoli che si prendono in considerazione nel presente articolo sono i veicoli a seguito. Si passi ora ad analizzare quali sono le accortezze da utilizzare quando si trasportano veicoli a seguito in viaggi su traghetti.

Quando si trasporta un veicolo è obbligatorio sul biglietto d’imbarco indicare il numero dei passeggeri che esso trasporta e il numero della targa. Entrambi i dati devono essere esplicitati chiaramente. Se si cambia auto dopo aver acquistato il biglietto, in sintonia con quanto sopra detto, bisognerà provvedere in tempo utile a cambiare i dati dell’auto. E’ bene sapere che dal momento in cui si è a bordo del traghetto, l’accesso al garage è permesso solo ed esclusivamente all’autista e a nessun altro.

Il tipo di alimentazione dell’auto deve essere comunicata all’ingresso al check in, si tratta di un aspetto molto importante a maggior ragione se l’auto è alimentata tramite metano o GPL. Va comunicato inoltre l’ingombro del veicolo. Tale dato va misurato con il cosiddetto parametro “fuori tutto”, ovvero si calcola la lunghezza del veicolo senza considerare il gancio o l’ingombro creato da apparecchiature trainate, qualsiasi esse siano. Inoltre se il veicolo supera i 220 cm da terra è prevista una maggiorazione sulla tariffa, in tal caso bisogna comunicare per tempo che il veicolo supera tali misure. Stesso discorso per la lunghezza, è previsto un supplemento solo se si superano i 5 metri di lunghezza, ad esempio se si trasportano attaccati al veicolo canoe, barche ecc… In tutti gli altri casi si paga la tariffa ordinaria.

Infine, quando si parcheggia il veicolo nel garage del traghetto, bisogna farlo sempre con il freno a mano tirato e la marcia innestata.

Ultima modifica: 30 luglio 2018