Con il car sharing, PSA riscopre l’America dopo 26 anni

660 0
660 0

Il piano del ritorno sul mercato americano da parte di PSA è partito con il lancio del servizio di car sharing Free2Move, in collaborazione con Travel Car. Un’offerta scattata la settimana scorsa e che per il momento è disponibile per i viaggiatori all’aeroporto di Los Angeles prima di essere estesa al resto degli Usa.

Questo servizio, che offre soluzioni vantaggiose ai proprietari delle vetture (parcheggio gratuito o tariffe scontate, oltre a una remunerazione se il veicolo è noleggiato) e a chi noleggia le auto (tariffa di noleggio ridotta di circa il 50% rispetto a un noleggio tradizionale), è il primo step del ritorno del gruppo PSA sul mercato americano, dal quale era uscito con Peugeot nel 1991 e con Citroen nel 1974.

Il progetto si chiama “push to pass” e il piano decennale prevede il graduale ritorno in Nord America, cominciando con questo tipo di servizi per fino ad arrivare alla vendita delle vetture della gamma, soprattutto nel segmento premium. Peugeot e Citroen potrebbero essere affiancate anche dalla Opel, con il passaggio della Casa tedesca da General Motors al gruppo francese.

La responsabilità dell’area americana è stata affidata a Larry Dominique, già dirigente Nissan: “Peugeot ha lasciato gli Stati Uniti 26 anni fa – ha dichiarato ad Automotive News – Oggi il mercato è molto differente. Quello che è successo allora, nel bene e nel male, in questo momento è irrilevante per me. Posizionare il brand nel mercato americano, che è molto affollato, richiederà pazienza e analisi delle situazioni“.

Ultima modifica: 11 aprile 2017