Prezzo Rc Auto in aumento del 3,7% ad aprile. Ecco perché

174 0
174 0

Aumentano il prezzo medio della Rc Auto nei primi quattro mesi del 2022. Se è vero che i prezzi sono ancora lontani dal periodo pre-Covid, secondo l’Osservatorio di Facile.it da gennaio ad aprile 2022 il premio medio Rc auto è aumentato del 3,7% arrivando a 443,07 euro.

Il dato emerge dall’analisi di un campione di oltre 9.100.000 preventivi e relative quotazioni raccolti da Facile.it.

«Nello scorso trimestre», spiega Andrea Ghizzoni, Managing Director Insurance di Facile.it. «i premi Rc hanno ricominciato a salire anche se, va evidenziato, nell’ultimo mese il dato è rimasto sostanzialmente stabile. È presto, però, per dire se la tendenza si sia effettivamente bloccata».

L’andamento regionale

Confrontando il costo medio Rc Auto di aprile 2022 con quello di gennaio emerge come l’incremento non sia uguale lungo la Penisola.

A guidare la classifica degli incrementi più consistenti è la Calabria, area dove i valori medi sono saliti del 9,1% rispetto a gennaio 2022. Seguono nella graduatoria il Molise, che ad aprile ha segnato un aumento della tariffa media pari al 6% e, staccata di un soffio, la Puglia (+5,8%).

Campania sempre la più cara

Guardando ai valori assoluti, la Campania si conferma essere ancora una volta la maglia nera d’Italia; nella regione, lo scorso mese, per assicurare un veicolo a quattro ruote occorrevano, in media, 798,56 euro, vale a dire l’80,2% in più rispetto alla media nazionale. Seguono sul podio delle aree più care d’Italia, ancora una volta, la Calabria, che conquista il secondo posto con un valore medio di 542,44 euro, e la Puglia, sul terzo gradino con un premio medio pari a 494,15 euro.

Se si considerano, invece, le regioni dove assicurare un veicolo costa di meno, il Friuli-Venezia Giulia si conferma essere l’area meno cara d’Italia; qui, ad aprile 2022, occorrevano, in media, 304,13 euro per sottoscrivere l’Rc Auto.

Seguono il Trentino-Alto Adige, con una tariffa pari a 326,97 euro, e la Lombardia, dove il premio medio rilevato ad aprile 2022 era pari a 342,84 euro.

Garanzie accessorie

Considerando le garanzie accessorie scelte dagli automobilisti emerge come, tra coloro che ne hanno inserita una in fase di preventivo, la più richiesta sia statal’assistenza stradale (40%).

Il dato può essere letto anche in relazione ad un parco auto smepre più anziano; lo scorso mese l’età media dei veicoli italiani era pari a poco più di 11 anni e mezzo, valore in aumento rispetto a quello rilevato nello stesso periodo del 2021 (10 anni e 9 mesi).

Seguono tra le garanzie accessorie più richieste dai guidatori italiani, sia pure a grande distanza, la copertura infortuni conducente (19%), la tutela legale(18,4%) e la garanzia furto e incendio (11%).

A seguire la tabella con il premio medio registrato nelle regioni d’Italia ad aprile 2022 e la variazione percentuale rispetto a gennaio 2022.

Regione Premio medio aprile 2022 Differenza aprile 22 vs gennaio 2022
Abruzzo 367,72 € 4,6%
Basilicata n.d n.d
Calabria 542,44 € 9,1%
Campania 798,56 € 3,6%
Emilia-Romagna 393,22 € 4,4%
Friuli-Venezia Giulia 304,13 € 2,0%
Lazio 437,39 € 3,5%
Liguria 427,49 € 3,8%
Lombardia 342,84 € 4,6%
Marche 397,44 € 4,6%
Molise 428,22 € 6,0%
Piemonte 399,53 € 2,7%
Puglia 494,15 € 5,8%
Sardegna 381,08 € 4,3%
Sicilia 442,31 € 3,5%
Toscana 461,90 € 4,1%
Trentino-Alto Adige 326,97 € 0,3%
Umbria 418,65 € 4,8%
Valle D’Aosta n.d n.d
Veneto 353,61 € 3,2%
ITALIA 443,07 € 3,7%

Rc Auto direttamente dallo smartphone

Le nuove tecnologie si rivelano sempre più importanti anche nel settore delle assicurazioni auto tanto è vero che, secondo una recente analisi di Facile.it, fra chi acquista la polizza Rc Auto online, più di 1 italiano su 3 (34,2%) lo fa direttamente dal proprio smartphone.

Dallo studio, realizzato su un campione di oltre 279.000 polizze Rc Auto sottoscritte online*, emerge come la percentuale sia aumentata rispetto al periodo pre-pandemia, quando era pari a “solo” il 24,8% (Q1 2019).

Prezzo Rc Auto in aumento del 3,7% ad aprile. Ecco perché

Ultima modifica: 17 maggio 2022