Prezzi auto 2019 su base annua: nuove +2,4%, usate -2,4%

169 0
169 0

In ottobre i prezzi delle auto nuove in Italia sono aumentati del 2,4% su base tendenziale (cioè rispetto allo stesso mese dell’anno precedente). Si tratta di un aumento ben superiore rispetto a quello fatto registrare dal tasso di inflazione (+0,3%).

All’aumento dei prezzi delle auto nuove si contrappone il calo dei prezzi delle auto usate, che in ottobre hanno visto una diminuzione delle quotazioni del 2,4% su base tendenziale.

Sempre in ottobre, crescono i prezzi per la manutenzione e la riparazione di autovetture (+1,6% su ottobre 2018). Questi dati derivano da un’elaborazione degli indici Istat dei prezzi al consumo per l’intera collettività realizzata dall’Osservatorio Autopromotec.

Prezzi auto 2019 su base annua: nuove +2,4%, usate -2,4%

L’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec mostra anche l’andamento tendenziale per l’intero anno in corso dei prezzi di acquisto delle auto. E dei costi per la loro manutenzione e riparazione.

Come emerge dal grafico, l’aumento dei prezzi delle auto nuove è un fenomeno che prosegue in maniera consolidata da diversi mesi. In gennaio 2019 infatti l’indicatore dei prezzi delle auto nuove già faceva registrare un incremento tendenziale sullo stesso periodo del 2018 del 2,4%.

L’indicatore ha avuto poi incrementi crescenti fino a maggio (mese in cui ha toccato il picco del 3%). Per poi scendere e stabilizzarsi su incrementi compresi tra il 2,3% e il 2,5% tra luglio e ottobre.

Si è invece ridimensionato lievemente il calo dei prezzi delle autovetture usate. In gennaio 2019 i prezzi delle auto usate erano più bassi del 3,4% rispetto a gennaio 2018. Ma già da aprile il calo ha cominciato ad attenuarsi (-3,2%). Fino ad arrivare al -2,6% di luglio e al -2,4% di ottobre.

L’autoriparazione

I prezzi delle operazioni delle officine di autoriparazione, infine, si sono mantenuti piuttosto stabili, E nel corso del 2019 hanno avuto crescite mensili rispetto agli stessi mesi del 2018 comprese tra un +1,5% e un +1,8%. Con l’unica eccezione del mese di luglio, +1%.

Ultima modifica: 25 novembre 2019