Porsche Cayenne Coupé, prova su strada. Regina delle Dolomiti | VIDEO

936 0
936 0

È il modello che nel 2003 ha dato una nuova impronta, anche rivoluzionaria, al marchio Porsche.

Un suv di grande successo, con 800 mila unità vendute (1.050 in Italia nel 2018) che ora si affaccia in un segmento presidiato da grandi firme (BmwX6, Audi Q8, Mercedes GLE), strizzando l’occhio alla clientela che si identifica maggiormente nella casa tedesca.

Porsche Cayenne Coupé, prova su strada

E così Cayenne può ora esaltare il suo dna sportivo con un coupè che solo in apparenza rispecchia le caratteristiche del modello tradizionale.

Possente e agile

Sul piano estetico, le differenze più marcate riguardano il posteriore, ma c’è molto altro, con aspetti innovativi all’insegna dell’esclusività. Il nostro test drive sui tornanti delle Dolomiti ha subito messo in evidenza la straordinaria agilità con la quale la vettura disegna le curve, grazie alla costante stabilità del retrotreno, con un’uscita brillante e sempre in graduale progressione, senza mai avvertire le oltre due tonnellate di peso.

La soluzione del posteriore autosterzante è un particolare fondamentale per assicurarsi solidità nella coda e una certa agilità ad un auto con un passo di 290 cm.

La possibilità di avere il tetto in carbonio di 2,16 mq. (disponibile anche in cristallo) annulla 21 kg di peso: la sua marcata inclinazione di 20 millimetri (abbassate le sedute) con le portiere e il passaruote allargato di 18, conferiscono alla vettura una immagine più bassa e muscolare. Come tutti i modelli Porsche, è ben garantita l’efficienza.

Il Cayenne Turbo abbina lo spoiler sul tetto ad un altro adattativo che si estende fino a 135 mm dai 90 km/h in su. Restando all’atto pratico, ci sono altri elementi di particolare interesse, i freni potenti ed impeccabili (volendo anche quelli carboceramici), il servosterzo sensibile ai piccoli angoli, le sospensioni pneumatiche a controllo elettronico in grado di assorbire le sconnessioni stradali. In pratica quello che si pretende da un suv aristocratico e sportivo che vuole farsi riconoscere dagli intenditori, trova in questo modello le risposte giuste.

Saliti a bordo, avvertita l’estrema facilità di guida e un certo senso di sicurezza, ci si trova immersi in un ambiente raffinato con tecnologie di ultima generazione e una connettività illimitata.

Motori e prezzi

Design a parte, è la ricca dotazione a delineare la terza generazione del Cayenne che presenta un conto salato nella versione Turbo Coupé da 151 mila euro, un V8 da 550 cavalli che accelera da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi.

E a propositio di prezzi, il modello diciamo entry level parte da 86.692 euro con V6 da 340 cv, sufficiente per regalare emozioni. A metà strada la S (biturbo da 400 cv) che costa 103 mila euro. Di serie il servosterzo Power Steering Plus, cerchi in lega da 20”, Park Assist anteriore e posteriore e il sistema che regola gli ammortizzatori. La gamma si completa la E-Hybrid un 3.0 da 462 cv e la super Turbo S E-Hybrid 4.0. V8 con 680 cv che costano rispettivamente di 99.258 e 181.608 euro.

Paolo Reggianini

Ultima modifica: 11 settembre 2019

In questo articolo