Porsche Carrera 911 S, prova su strada. Eterno mito, in strada e in pista | VIDEO

965 0
965 0

Porsche, icona della auto sportive che si possono guidare tutti i giorni e non solo in pista. Un mito che dura dal lontano 1963 quando uscì la prima 911. Siamo arrivati all’ottava generazione e tra la Carrera 911 S e 4S.

Che abbiamo provato a Valencia, sul circuito Ricardo Tormo e sulle strette stradine dell’entroterra. Con quel primo modello di 56 anni fa raffreddata ad aria, c’è la stessa differenza che intercorre tra un bastimento a vapore e i moderni aliscafi che sfrecciano tra le isole.

Insomma dai 130 cv dell’antenata, che era anche un po’ ballerina oltre i 130 km/h, siamo arrivati ai 450 cv dell’ultima generazione, con una velocità massima di 308 km/h e una ripresa da dragster (0-100 km/h in 3,7 secondi!). Il che ci fa abbandonare ogni nostalgia del passato.

Dunque quest’ultima 911 è un po’ più lunga del modello precedente, un po’ più larga, monta cerchi più grandi, da 20 pollici sull’anteriore e da 21 sul posteriore. Pesa solo 1.515 kg: per ottenere questo risultato si è utilizzato molto alluminio e di accaio ne è rimasto poco.

Il design presenta importanti novità, ma non si discosta molto dalla tradizione di sobrietà e muscolarità della serie precedente, gli interni cambiano con il cruscotto.

Che ora si sviluppa più in orizzontale (con riminiscenza degli anni ’70), con un bello schermo touchscreen di 10,9 pollici al centro e fra gli strumenti circolari davanti al conducente spicca il grande contagiri analogico, sotto il quale appare il tachimetro digitale.

Molto funzionale e di facile uso la levetta del nuovo cambio automatico a doppia frizione e 8 rapporti. Le palette sul manubrio per scalare o salire di marcia manualmente ci sono. Ma con questo nuovo cambio non si sente proprio la necessità di usarle.

Per quanto riguarda la connettività, c’è Apple Car Play. Ma non Android Auto, mentre gli «assist» ci sono tutti, di serie o come optional.

Tra questi spiccano due novità assolute. Il Wet Mode, di serie, che preserva da sbandate e acquaplaning in caso di pioggia. E il Night Vision Assist, che con una termocamera individua ostacoli come persone o animali anche nel buio profondo.

Infine come non dire dei nuovi gruppi ottici Matrix Led composti da 84 singoli led e da una serie di piccoli specchi che assicurano una visibilità completa anche di notte.

Porsche Carrera 911 S, sempre perfetta

Abbiamo provato la nuova 911 S sia in circuito sia su strada. Con un approccio da automobilista medio che ama le vetture sportive. E come l’abbiamo trovata? Perfetta è a dire poco.

Ed è anche comoda e adatta per fare turismo nell’utilizzo quotidiano e, come detto, non teme né acqua né neve, per cui si può anche usare per andare a sciare.

Il bagagliaio, ovviamente è piccolo (132 litri), in compenso il prezzo richiesto è grande: da 123.999 euro per la versione S a 2 ruote motrici. E da 132.015 per la 4S a trazione integrale, con le ruote posteriori sterzanti.

Cesare Paroli

Ultima modifica: 4 febbraio 2019

In questo articolo