Porsche 911 Turbo S, la regina delle noveundici domina la strada | VIDEO

584 0
584 0

Porsche 911 Turbo S torna sul trono: è la più potente, più dinamica e più confortevole, la regina di tutte le noveundici. Anche la “serie 992″ ora ha la sua top di gamma. Da qualche tempo tutte le 911 sono turbo, con il 6 cilindri boxer sovralimentato. Ma la Turbo S mantiene il nome, il retaggio storico di superiorità prestazionale. Confermato dai fatti

E si mostra più aggressiva: all’asse anteriore la carrozzeria è più larga di 45 millimetri (1.840 millimetri), mentre la larghezza totale sull’asse posteriore arriva a 1.900 millimetri (+20 millimetri)

Il motore è il flat six (sei cilindri contrapposti, boxer appunto) bi-turbo di 3.8 litri. Abbinato al cambio automatico a doppia frizione PDK a otto rapporti e alla trazione integrale. Il propulsore eroga 650 cavalli (rispetto ai 580 della serie precedente) e ben 800 Nm di coppia.

911 Turbo S, scatto felino

L’accelerazione è formidabile. Per lo 0-100 km/h bastano solo 2,7 secondi: per arrivare a 200 km orari da fermo servono 8,9 secondi. La trazione integrale può inviare fino a 500 Nm di coppia sulle ruote anteriori, per avere la massima efficienza di guida. La velocità massima è di 330 km orari.

La più potente della 911 a trazione integrale dispone telaio sportivo Porsche Active Suspension Management (PASM) ribassato di dieci millimetri e l’impianto di scarico dedicato, le cui valvole regolabili assicurano un suono degno da prima della classe.

Leggi anche: Porsche, ancora record di vendite nel 2019: +10%, con 280,800 unità

Di serie le sospensioni a controllo elettronico e lo scarico con i quattro terminali squadrati. Porsche 991 Turbo S sarà in concessionaria da maggio. Sia in carrozzeria coupé, sia cabriolet, con prezzo rispettivamente di 224.527 e 238.435 euro.

L’aspetto diventa ancora più aggressivo, ancorato al suolo. La pelle avvolge tutti gli interni, i sedili sono regolabili a 18 vie.

La plancia ha dettagli dedicati, il volante è lo specifico GT. Resta evidente il grande alettone posteriore, che da storicamente caratterizza le “Turbo”. I doppi terminali di scarico squadrati tipicamente Turbo in nero lucido completano la nuova vista posteriore. Anche da dietro la regina è inconfondibile.

Leggi anche: Porsche, a ottobre Taycan Cross Turismo e nel 2022 Macan elettrica

 

Ultima modifica: 25 marzo 2020

In questo articolo