Pneumatico senza aria: cos’è e quando uscirà in commercio

2206 0
2206 0

Lo pneumatico senza aria rappresenta la gomma tecnologica del futuro. Vediamo di cosa si tratta e quando uscirà in commercio!

Cosa sono gli pneumatici senza aria

Gli pneumatici senza aria sono dei prototipi di gomma che, dal momento che non hanno bisogno di aria al loro interno, non si gonfiano né si sgonfiano. Vision, questo il nome del prototipo, è stato realizzato dal gruppo francese Michelin, rappresenta la tecnologia più avanzata in fatto di pneumatici. L’obiettivo, infatti, è quello di garantire gomme ricaricabili, connesse e personalizzabili, realizzate con materiali derivanti da fonti sostenibili e biodegradabili. Vediamo meglio, nel paragrafo successivo, in che modo lo pneumatico senza aria sfrutta queste caratteristiche.

Come funzionano pneumatici senza aria

Questi pneumatici non necessitano di aria al loro interno in quanto sono dotati di una struttura alveolare interna. Questa aiuta a stabilizzare la ruota e a sostenere l’auto. Sia per la realizzazione sia per la manutenzione della gomma è fondamentale l’utilizzo della stampante 3D. Grazie a questo strumento, infatti, vengono prima realizzati gli pneumatici in poliuretano termoplastico (di origine naturale e del tutto riciclabile), poi il battistrada che verrà applicato.

L’idea è quella di una gomma connessa come se fosse uno smartphone. Attraverso degli appositi sensori, infatti, sarà possibile valutare le condizioni dello pneumatico in tempo reale. In questo modo gli eventuali interventi di manutenzione potranno essere gestiti in maniera più tempestiva. Ma lo pneumatico senza aria è anche ricaricabile. In futuro la figura del gommista potrebbe diventare obsoleta poiché per cambiare le caratteristiche della gomma saranno necessari pochi click sull’app del cellulare.

Grazie a questa sarà infatti possibile contattare un centro di assistenza in cui, in pochi minuti, verranno sostituiti i battistrada grazie alle stampanti 3D presenti all’interno. Per quanto riguarda i segni di usura presenti nella gomma il procedimento non cambierà. Un nuovo strato di materiale, della misura necessaria all’intervento, verrà infatti applicato sullo pneumatico con l’ausilio delle stampanti 3D. Un’azione rapida che permette di guidare successivamente in tutta tranquillità.

Questa velocità e facilità di intervento permette di ottimizzare le risorse. Innanzitutto sarà possibile personalizzare la mescola sulla base del percorso da affrontare (neve, ghiaccio, ecc.). In secondo luogo si potrà decidere il periodo di tempo entro il quale mantenere quella soluzione, che sia un giorno o un anno. Secondo le previsioni lo pneumatico senza aria dovrebbe entrare sul mercato non prima di 15/20 anni.

Ultima modifica: 30 novembre 2017