Peugeot 308 TCR, belva da corsa: 350 cavalli | VIDEO

1524 0
1524 0

Peugeot 308 TCR, la belva da pista. Si tratta del bolide, con il 1.6 turbo portato a 350 cavalli, per i campionati dedicati a “berline turismo internazionali”. Ovvero la stagione WTCR. E i VLN (Germania), CER (Spagna), CITE (Italia), BGDC (Belgio) e i campionati di endurance tipo la 24H Series e il TCR Italy.

Si tratta evoluzione della 308 Racing Cup, a sua volta derivata dalla 308 GTi stradale. L’apertura degli ordini è avvenuta il 3 gennaio 2018 e la consegna delle prime vetture avverrà in aprile. E’ disponibile anche un catalogo di opzioni tecniche.

Il motore benzina THP è stato elaborato sull’aspirazione e lo scarico. E la sovralimentazione permette al 4 cilindri turbocompresso di sviluppare 350 cavalli. Con 420 Nm di coppia a partire da 3.000 giri. Dispone di un potenziale chilometrico di 5000 km ossia quasi il doppio del necessario per una stagione di WTCR.

La Peugeot 308TCR dispone di un cambio specifico sequenziale a 6 rapporti con leve al volante. Grazie ad un allargamento delle carreggiate, a tracciati delle sospensioni specifici, a barre antirollio anteriore e posteriore regolabili e ad elementi delle sospensioni interamente su giunti Uniball, dispone un avantreno con un forte potenziale in ingresso in curva ed un retrotreno che reagisce perfettamente agli input del pilota.

Le possibilità di regolazioni – altezza della carrozzeria, carreggiata, campanatura sia all’anteriore sia al posteriore – permetteranno di “cucire” la vettura sulle caratteristiche dei circuiti. E sulle esigenze dei singoli piloti.

Freni. All’anteriore di dischi ventilati da  378×34 mm con pinze a 6 pistoncini. Al posteriore di dischi da 270×12 mm con pinze a 2 pistoncini.

Aerodinamica curata

Nel frontale, il fascione paracolpi lavorato permette di alimentare perfettamente i flussi d’aria verso il radiatore e lo scambiatore aria/aria. Lo splitter, dal canto suo, genera il massimo appoggio, fondamentale per un buon potere direzionale. Nel posteriore, il fascione termina su un grande estrattore responsabile di generare il carico aerodinamico sul retrotreno.

Ultima modifica: 4 gennaio 2018

In questo articolo