Peugeot 308 GTi ruggisce a Misano. Curve perfette anche con la pioggia

1784 0
1784 0

Sicurezza, Comfort e sportività trovano un ideale punto di incontro nella Peugeot 308, modello pluripremiato della Casa del Leone giunto al ‘refresh’ di metà carriera con un importante aggiornamento. Soprattutto in tema di infotainment e sistemi di assistenza alla guida. Per capire quanto sia naturalmente performante la vettura francese, niente è più indicato di testarla in pista. Se poi, come ci è capitato al ‘Marco Simoncelli’ di Misano, il circuito risulta bagnato dopo ore ininterrotte di pioggia, il banco di prova diventa davvero definitivo.

E’ con una certa apprensione che ci si mette al volante della 308 GTi by Peugeot Sport, la variante più potente con il quattro cilindri 1.6 in grado di sprigionare ben 270 cavalli. Quanti ne esprimeva il propulsore di una Porsche 911 di poco più di venti anni fa

L’ansia però svanisce già alle prime curve, non appena si capisce che la media transalpina asseconderà senza scomporsi ogni volere del pilota. Anche il più temerario e smaliziato. Forte del differenziale Torsen all’anteriore e della presa sull’asfalto garantita dai Pirelli Pilot Super Sport che calzano cerchi da 19 pollici, la più veloce delle 308 disegna traiettorie millimetriche. Incurante della pioggia e invogliando a premere senza remore sull’acceleratore. L’ingresso in curva è fulmineo, e l’assetto è a prova di bomba anche in uscita.

Qualora si osasse troppo, c’è sempre l’elettronica a dare una mano invisibile. E spesso determinante per rimanere saldi sulle linee volute. Il propulsore garantisce una spinta sempre notevolissima. Ma mai brutale, rendendo la guida tra i cordoli divertimento puro. Ma la 308, anche in questa sua versione estrema, è un punto di riferimento. Anche per la gradevolezza e l’efficacia sulle strade di tutti i giorni.

Peugeot 308 GTi: i sistemi di assistenza alla guida

Sulle statali romagnole, immancabilmente battute dalla piogga nel giorno del test, abbiamo apprezzato non senza stupore quanto sia efficace il regolatore di velocità adattivo. Basta impostare con una levetta l’andatura di crociera voluta e la vettura, nel nostro caso la 2.0 Gt Hdi da 180 cavalli con il nuovo cambio automatico a otto rapporti, provvede automaticamente a variare la velocità. Anche fino a fermarsi per poi riaccelerare mantenendo sempre la distanza di sicurezza da chi ci precede. Un bel passo verso il futuro della guida autonoma.

Non mancano la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento assistito della corsia. E la commutazione automatica abbaglianti/anabbaglianti, sempre nel nome della massima sicurezza per gli occupanti. E ora, per chi non rinuncia alla migliore connettività a bordo, ci sono il Mirror Link, l’Android Auto e l’Apple CarPlay per l’interfaccia con il proprio smartphone. Infine il dispositivo di navigazione sale di livello e diventa 3D.

Paolo Grilli

Ultima modifica: 28 novembre 2017

In questo articolo