Panasonic aumenta il personale dell’impianto in Nevada per produrre le batterie della Tesla Model 3

865 0
865 0

Tesla e Panasonic aumenteranno molto presto la produzione delle batterie agli ioni di litio per le auto della prima in modo significativo. Questo succederà presso l’impianto Gigafactory in Nevada e riguarderà non solo le batterie per i modelli Powerwall 2 e Powerpack 2, ma anche per la nuova Model 3, che arriverà sul mercato nella seconda parte dell’anno e per cui c’è un’attesa spasmodica, soprattutto negli Stati Uniti.

Panasonic ha organizzato un evento in cui farà una serie di colloqui allo scopo di aumentare di 2 mila unità il personale dello stabilimento e intensificare la produzione delle batterie. Gigafactory attualmente annovera mille impiegati a tempo pieno, ai quali vanno aggiunti gli operai che lavorano per la produzione di batterie destinate a clienti diversi da Tesla.

Si tratta di una frazione rispetto al numero di impiegati che lavoreranno in Gigafactory quando l’impianto raggiungerà il regime definitivo. Si parla di circa 10 mila operai entro la fine del 2020, il che consentirà a Panasonic di disporre di una capacità di produzione molto importante in grado di alimentare il mercato delle auto elettriche, dato in costante crescita.

Tesla vuole produrre 80 mila esemplari della Model 3 entro la fine dell’anno, e questo vorrà dire che una grossa fetta della capacità di produzione di Gigafactory dovrà essere dedicata a questa vettura. Carico di lavoro al quale bisogna sommare quello necessario per le Model S e X. Panasonic produce in questo momento circa 18.650 celle per batteria in Giappone e 2.170 negli Stati Uniti, ma questo bilanciamento è destinato a cambiare a favore degli Usa.

Ultima modifica: 4 aprile 2017