Opel Corsa, prova su strada. Tre auto in una ed elettronica al top

372 0
372 0

Opel Corsa, basta la parola. È l’auto più venduta dal marchio del fulmine. Ben 13,6 milioni di unità nel mondo dal 1982 ad oggi, 1,6 nella sola Italia.

La sesta generazione, che abbiamo tenuto a battesimo sulle strade intorno a Spalato e lungo la suggestiva costa dalmata, è davvero rivoluzionaria.

È la prima nata sotto il grande ombrello del gruppo PSA. E’ la Corsa più leggera della storia (meno di 1000 kg). E si propone al grande pubblico con tre anime: benzina, diesel ed elettrica.

La versione a zero emissioni arriverà solo nella primavera del 2020. Sarà spinta da un motore da 136 cv con un’autonomia di 330 km.

Opel Corsa elettrica

A Spalato abbiamo misurato le versioni benzina e diesel. Ed apprezzato il salto di qualità del brand tedesco in questa prima vettura prodotta sotto l’egida di PSA.

L’impiego della piattaforma CMP, (la stessa di Peugeot 208 e DS3 Crossback) permette di produrre sulla stessa linea auto con diverse motorizzazioni. Senza alcuna modifica alla scocca.

Così la sesta edizione di Opel Corsa si presenta agli sguardi con un look profondamente rinnovato. Più larga, più bassa, con il cofano allungato, la linea filante e sportiva. E un piccolo spoiler posteriore che aggiunge quel pizzico di grinta.

Gli interni, puliti ed essenziali, ricalcano il classico stile tedesco di Opel ma i contenuti tecnologici sono degni di un segmento superiore. Lo schermo a sfioramento di 10 pollici include anche il navigatore e, nelle versioni Elegance e GS Line, si aggiunge un cruscotto digitale da 7 pollici.

Opel Corsa, gli interni

Gli Adas sono ricchi e contemplano riconoscimento dei segnali stradali, rilevatore di stanchezza, frenata automatica di emergenza, mantenimento di corsia e riconoscimento dei pedoni.

La chicca sono i fari IntelliLux a matrice di Led. Sono capaci di utilizzare in ogni situazione la luminosità degli abbaglianti. Il tutto grazie a un sistema intelligente che convoglia i fasci di luce lontano dalle auto che procedono in direzione opposta.

I motori a benzina 1.2 hanno tre livelli di potenza (75, 101 e 131 cv) il diesel è l’1.5 da 102 cv.

Opel Corsa, prova su strada: benzina e Diesel

Il test con il 131 cv benzina ci consegna un’auto reattiva al massimo livello con sterzo efficace e preciso. Perfetta tenuta di strada, rumorosità ridotta al minimo.

Marcia fluida in autostrada, riprese fulminanti quando serve gas sui tornanti intorno a Spalato. Più compassato il diesel, che però ha il pregio di essere molto rotondo e poco rumoroso.

All’interno la comodità è assicurata nei sedili anteriori. Ma un guidatore di alta statura può limitare fortemente gli spazi di chi siede dietro. In compenso il bagagliaio ha una capacità di 309 litri che diventano 1.100 con i sedili abbassati.

Opel Corsa è già disponibile sul mercato con prezzi che partono da 15.500 euro e arrivano fino a 33 mila. Ma i manager del gruppo, che mirano a venderne 40 mila unità per farne l’auto leader nel segmento, reclamizzano la formula Scelta Opel.

A rate, 126 euro per il benzina, 138 per il diesel e 153 per l’elettrica.

Con anticipo iniziale di 3500 euro, le rate mensili sono da 126 per il benzina, 138 per il diesel e 153 per l’elettrica. Una formula pensata sulla base dei differenti consumi di questa Corsa con tre anime.

Giuseppe Tassi

Ultima modifica: 3 dicembre 2019

In questo articolo