Normativa 2018 sul fermo amministrativo

20547 0
20547 0

Novità in arrivo per quello che riguarda il provvedimento di fermo amministrativo sui veicoli per il 2018, la manovra cambia nelle sue specifiche. Scopriamo tutte le innovazioni!

Normativa 2018

 

Con l’anno nuovo è stata modificata la normativa circa il fermo amministrativo delle auto e delle moto. Attenzione quindi a questi nuovi aspetti.

Innanzitutto viene abbassato il tempo previsto per provvedere all’applicazione di quelle che vengono definite in gergo tecnico ‘ganasce fiscali’; da 120 giorni della vecchia normativa adesso diventano 60 e l’Agenzia delle Entrate potrà mettere in atto il provvedimento in caso di mancato pagamento.

Cambia anche la modalità di applicazione del fermo. Viene introdotto una soglia minima debitoria per procedere all’applicazione secondo il seguente schema:

  • sotto la cifra di 800,00 euro di debito l’Agenzia non potrà procedere con il fermo amministrativo;
  • in presenza di un debito che va dalle 800,00 euro ai 2.000,00 euro si potrà procedere all’applicazione del fermo ma su 1 solo veicolo;
  • se il debito oscilla tra 2.000,00 euro e 10.000,00 euro il fisco potrà sottoporre a fermo fino a 10 veicoli;
  • sopra la cifra debitoria di 10.000,00 euro si potrà procedere al sequestro di tutti i veicoli posseduti dal debitore.

Come togliere fermo amministrativo

Esistono diverse modalità con cui provvedere alla rimozione del fermo amministrativo.

Se un debitore riconosce la sua situazione debitoria può procedere al pagamento e, sanando la situazione, il provvedimento di fermo decade. Per il debito può anche essere concordato un pagamento rateale presso gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate.

Nel caso in cui si ritenga che il debito non sia da pagare si può fare ricorso per lo stesso. La messa in atto di questa manovra sbloccherà il veicolo sottoposto a fermo ma, un’eventuale condanna al pagamento potrebbe sfociare in una confisca del veicolo con successiva vendita all’asta.

In ogni caso una operazione da effettuare in ogni caso è la cancellazione dai registri del PRA del provvedimento di sequestro amministrativo, la mancanza di questa non rende il veicolo idoneo alla circolazione.

Cosa sapere se c’è un fermo amministrativo

Quello che c’è da sapere è l’entità del rischio a cui è sottoposto il debitore se circola con un veicolo sottoposto a fermo. Fermo restando che il mezzo in questione può essere assicurato, questo non autorizza alla circolazione.

Se le autorità competenti accertano l’avvenuta circolazione di un veicolo sottoposto a provvedimento amministrativo lo steso può essere immediatamente confiscato con conseguente vendita all’asta e le sanzioni per il proprietario sono molto salate per violazione di un provvedimento amministrativo.

Ultima modifica: 8 gennaio 2018