Nissan Qashqai, la prova del nuovo crossover ibrido

3133 0
3133 0

Nissan Qashqai atto terzo, il papà di tutti i crossover adesso è interamente elettrificato. La terza generazione del modello che dal 2007 ha cambiato le preferenze di milioni di automobilisti, 5 nel mondo, 3 in Europa e 340mila in Italia, ha fatto il grande salto. E’ solo ibrida.

Confermando il retaggio originale, di auto polivalente, alta da terra, confortevole e con ottima abitabilità, con l’aggiunta di plus tecnologici dedicati a motorizzazione, assistenza alla guida e intrattenimento.

Nissan Qashqai, la prova del nuovo crossver ibrido

Il nuovo Qashqai, che ha un prezzo di listino a partire da 25.500 euro e sarà in concessionaria a fine giugno, è solo elettrificato. Addio al Diesel, in gamma al momento c’è il 1.3 turbo benzina con sistema mild hybrid a 12 Volt, con due versioni, la cui potenza è di 140 o 158 cavalli, a trazione anteriore. 

Scarica ora: Listino prezzi Nissan Qashqai

Arriveranno in seguito gli allestimenti con la trazione integrale e soprattutto, nel 2022, la motorizzazione E-Power, nella quale un 1.5 turbo 3 cilindri a compressione variabile funge da alimentatore per la batteria per la trazione elettrica. Avrà una potenza di 190 cavalli e Nissan lo annuncia come alternativo al Diesel per l’efficienza di marcia.

Futuro imminente, QN Motori ha provato il presente di nuovo Qashqai, nelle versioni col 1.3 ibrido. A Roma, sul litorale e nei pressi del Lago di Bracciano siam entrati in contatto con la terza serie. Cresciuta nelle dimensioni esterne di pochi centimetri, quattro, per 4,43 metri di lunghezza (1,84 di larghezza e 1,63 di altezza) ma grazie all’esordio della piattaforma CMF-C (nativa di Nissan, utilizzata anche da Renault nella Alleanza) dispone di maggiore spazio interno. 

E di un bagagliaio da grande, con una capienza da 502 a 1.593 litri. La nuova architettura ha permesso di risparmiare 60 kg di peso e offre una rigidità superiore del 48%.

Sono sei gli allestimenti: Visia, Acenta, Business, N-Connecta, Tekna e Tekna+. Completamente nuovi anche gli interni, con una plancia che può essere interamente digitale, con schermo della strumentazione, personalizzabile, da 12,3 pollici, display dell’infotainment da 9 pollici ed è possibile avere un head-up display, che illustra sul parabrezza al guidatore numerose informazioni, da 10,8 pollici. In pratica, un 32 pollici a bordo e con l’app NissanConnect Services l’auto è sempre a portata di mano.

Gli interni sono curati al pari degli esterni, con i fari a Led di serie (Matrix da Qashqai Tekna) per una vettura di sostanza, con grandi prerogative di sicurezza. Come confermato dalle 5 stelle ottenute dei crash test Euro NCAP grazie anche a una ricca dotazione di sistemi ADAS. Il Nissan ProPilot, il noto tasto blu sul volante, permette di attivare la guida assistita di secondo livello. Sono stati perfezionati tutti i sistemi e nell’alto di gamma lavora in sinergia col navigatore satellitare.

Un pacchetto interessante, anche se la marcia in più, letteralmente è su strada. Abbiamo testato nuovo Nissan Qashqai in tre versioni mild hybrid, da 140 cavalli abbinato con cambio manuale a sei marce e da 158 cavalli con manuale e automatico CVT (ai quali si aggiungerà la 4WD, sempre da 158 cv).

L’approccio è pregevole, a partire dallo sterzo, decisamente più preciso e pronto rispetto al passato. A cascata il bestseller Nissan mette sul piatto qualità importanti. Con un comfort notevole, soprattutto per silenziosità di marcia, e una agilità sconosciuta alle precedenti generazioni.

Fluida in città e con un comportamento dinamico di livello sul misto. L’unico appunto è per la rapportata del cambio manuale, un po’ lunga, in particolare nelle prime marce, scelta dovuta per limitare il consumo (6,4 litri/100km dichiarati, per una percorrenza di 15,6 km litro).

I 140 cavalli della versione base, bastano e avanzano con 240 Nm di coppia. Qashqai da 158 cv, specie col cambio automatico XTronic, garantisce riprese (260 Nm) più rotonde.

Le modalità di guida sono tre, Eco, Standard e Sport (le future 4×4 avranno anche Snow e Off Road), cambia invece il retrotreno. Per gli allestimenti Visia, Acenta, Business, N-Connecta e Teckna ci sono le nuove sospensioni posteriori a ponte torcente e con ammortizzatori verticali, mentre per Tekna+ c’è un più raffinato schema multilink.

Le virtù di nuovo Nissan Qashqai, in tutte le sue versioni, sono di alto livello. Nel percorso misto il crossover ha evidenziato un equilibrio eccellente tra precisione e comodità. Si viaggia in prima classe, senza sbavature o incertezze, anche con un piglio deciso, se si vuole. 

Nissan Qashqai, le foto su strada

Leggi ora: Nissan Leaf, una elettrica in Vaticano

 

Ultima modifica: 20 giugno 2021

In questo articolo