Nissan Micra GPL turbo da 90 cavalli, oltre 1000 km di autonomia bifuel

1029 0
1029 0

Nissan Micra GPL, arriva in Italia la nuova versione col turbo da 90 cavalli. La doppia alimentazione benzina-GPL permette, grazie al motore specifico, piacere di guida, bassi costi di esercizio (grazie anche al ridotto numero di controlli specifici previsti) e praticità.  Micra GPL è disponibile tre allestimenti: Start, Plus e Max. Il prezzo parte da 16.450 euro.

Il GPL è la terza alimentazione più scelta, dopo Diesel e benzina, dagli automobilisti italiani. Rappresenta il 9% del mercato privato. Percentuale che sale al 14% (oltre 40.000 unità) se si prende in considerazione il segmento B puro, quello di Micra.

Sempre a patto di completare percorrenze superiori alla media, utili ad ammortizzare il maggior prezzo di acquisto. Nissan dichiara che Micra GPL è “esentata dai blocchi del traffico.

Questa versione bifuel è in grado garantire un’autonomia di oltre 1.000 km (dati rilevati secondo il ciclo NEDC-BT).

La differenza in questo caso la fa il 3 cilindri benzina turbo IG-T da 0,9 litri e 90 cv. Abbinato un cambio manuale a 5 rapporti. Un motore che, grazie al turbo a bassa inerzia, offre un’elevata reattività già dai bassi regimi. Garantendo un’erogazione della potenza fluida e costante.

Potenza, emissioni e consumi

Tipo di motore Potenza (CV) Coppia (Nm) Emissioni CO2

(g/km)

NEDC-BT

Consumi

(l/100km)

NEDC-BT

IG-T 0,9 litri

3 cilindri

5MT

90 (87 a GPL) a 5.500 giri/min 140 – 2.250

giri/min

Benzina: 127

GPL: 125

Benzina: 5,5

GPL: 7,8

La collaborazione di BRC Gas Equipment

L’impianto GPL è sviluppato e prodotto appositamente per Nissan Micra, in collaborazione con BRC Gas Equipment che ne cura installazione e messa a punto. Il sistema elettronico esegue un continuo controllo del funzionamento dell’impianto, analizzandone tutti i principali parametri e garantendone il comportamento ottimale in ogni condizione di marcia.

L’impianto vanta un’iniezione di tipo sequenziale fasata in fase gassosa che, dosando con precisione la quantità di GPL da iniettare in base alla specifica necessità di marcia, permette di ottimizzare l’efficienza del motore e ridurre le emissioni.

Il pratico commutatore di alimentazione ha il comando posizionato nel tunnel centrale, alla base della leva del cambio. Indicatori a LED mostrano la quantità di GPL presente e il tipo di carburante che si sta utilizzando in quel momento.

Il sistema memorizza il tipo di alimentazione utilizzato prima di arrestare il motore e lo reimposta automaticamente al nuovo avvio. Nel caso in cui il motore venga spento in modalità GPL, il riavvio avverrà comunque in modalità benzina, per poi passare automaticamente al GPL una volta raggiunta la temperatura d’esercizio ottimale. Un segnale sonoro avverte il cambio di alimentazione.

Serbatoio con capacità di 33,6 litri di gas

Il serbatoio di GPL, di forma toroidale, è posizionato nell’alloggiamento della ruota di scorta. In modo da non ridurre la capienza del vano portabagagli, ed ha una capacità di 42 litri (33,6 litri effettivi). Viene fornito di serie il riduttore necessario per collegare la presa di carica del serbatoio (posta immediatamente sotto al bocchettone della benzina) con l’erogatore.

Ultima modifica: 19 aprile 2019

In questo articolo