Ford Mustang Mach-E, prova del SUV sportivo elettrico | VIDEO

1181 0
1181 0

Una Mustang in forma di SUV sportivo elettrico: ecco la Mach-E.

La rivoluzione verde di Ford comincia in modo clamoroso: con la sportiva più venduta del mondo che cambia pelle e motore, senza rinunciare alle prestazioni e al suo fascino iconico.

Operazione complessa e rischiosa perché il marchio Mustang è sintesi di emozione, motori ruggenti, ruote in derapata sull’asfalto, carattere forte come il cavallo che simboleggia il brand.

Ma Ford ha deciso di osare e dopo Mustang altre due icone, cioè lo storico pick-up F150 (l’auto più venduta d’America) e il re dei furgoni, il Transit, avranno una versione elettrica. E dal 2030 in Europa verranno prodotte solo autovetture a impatto zero.

La capostipite del nuovo corso, testata sul circuito di Lainate, ha fascino da vendere, tecnologie raffinate e non perde il graffio tipico di Mustang. Non per niente ha in corpo 351 cavalli elettrici e garantisce un’autonomia di 610 km nella sua versione più prestazionale.

L’identità di Mach-E è quella di un Suv sportivo di alta gamma. Ruote alte, trazione 4×4 con due motori elettrici (uno su ciascun asse) e una flessuosa linea da coupé.

Ford Mustang Mach-E, prova del SUV sportivo elettrico

Oltre 4 metri e 70 di lunghezza e 2600 chili di peso non compromettono l’agilità della vettura. I fari a led allungati, la linea di cintura alta, il posteriore di impronta sportiva con un piccolo spoiler definiscono la personalità dell’auto.

La batteria da 98 kWh, composta da 18 celle, é adagiata sul pianale della vettura. Un vantaggio per gli spazi interni dell’abitacolo, che beneficiano anche dell’assenza di un tunnel centrale per la trasmissione.

Molto ampio il bagagliaio posteriore al quale si aggiunge un ampio contenitore sotto il cofano anteriore dotato pure di un tappo di scarico.

Il cruscotto del SUV sportivo elettrico è essenziale, come nella maggior parte delle vetture elettriche, e l’attenzione é catturata dal gigantesco tablet da 16 pollici montato in verticale in stile Tesla.

È proprio dal touch che si regolano le modalità di guida, compresa quella one pedal per il massimo recupero dell’energia in fase di rallentamento e frenata.

Il corredo elettronico é di primordine con l’ultima evoluzione del sistema Sync che permette, tra l’altro di trasformare il cellulare in chiave dell’auto.

Con una suggestiva opzione in più: se dimentichi a casa il telefonino, ti basta battere un codice su un tastierino contenuto nel montante dell’auto per aprire lo sportello.

Alla guida Mach-E stupisce per la qualità delle prestazioni. I 351 cavalli vengono scaricati a terra con naturalezza grazie alla immediata disponibilità della coppia. Il risultato in pista è una serie di partenze brucianti. Con accelerazione da 0 a 100 orari in 5,1 secondi.

Le modalità di guida sono tre – Active, Whisper e Untamed – e cambiano il feeling con lo sterzo, la mappatura dell’acceleratore, la risposta dei freni, i colori nell’abitacolo, il suono artificiale, l’aspetto del pannello di controllo e la taratura del One-Pedal-Drive che consente il massimo risparmio di energia.

Il SUV sportivo elettrico dell’Ovale Blu alla prova dei birilli

Sostenuto sul passo, con velocità autolimitata a 180 km all’ora, il Suv Mustang si dimostra insospettabilmente agile negli slalom fra i birilli proposti dal test drive.

Lo sterzo é preciso, la tenuta di strada in curva degna di una sportiva vera. Nemmeno i duri e puri del marchio resterebbero delusi.

Il listino prezzi della Mustang Mach-E parte da 49.900 euro per la due ruote motrici e sale fino a 67 mila euro.

La sfida a Tesla Model Y e ai SUV elettrici è lanciata con stile.

Mustang Mach-E e Fabrizio Faltoni, presidente di Ford Italia

E il presidente di Ford Italia Fabrizio Faltoni sintetizza così le ambizioni del marchio. “Facciamo automobili da cento anni, abbiamo portato su Mach-E il meglio delle nostre tecnologie e un motore elettrico con autonomia da record. Ecco perché i consumatori sceglieranno noi“.

Giuseppe Tassi

Ford Mustang Mach-E, SUV sportivo elettrico. Le foto.

Ultima modifica: 8 marzo 2021

In questo articolo