Murray T.50, prima uscita in pista per la hypercar con la ventola

602 0
602 0

Gordon Murray, il geniale progettista prima di Formula Uno e poi della McLaren F1 del 1993 che ha fatto storia, ha provato la sua ultima creazione, la T.50.

Una supercar detta da 3,2 milioni di euro, che sarà realizzata dal 2022 in 100 esemplari. Speciale non solo per il pedigree, ma soprattutto per il connubio tra aerodinamica, peso (986 kg) e potenza (663 cavalli del V12 4.0 aspirato realizzato con Coshworth) che la candidata a essere una delle auto più veloci del mondo.

Specialissima

E’ venuto il tempo dei test per questa vettura a tre posti, uno centrale. Murray stesso s’è messo al volante, per un breve tratto. La T.50 ha letteralmente passeggiato, mettendo in mostra anche la sua speciale ventola posteriore.

Proprio come la Brabham BT46B, motorizzata Alfa Romeo, del 1978 realizzata da Murray. E guidata da Niki Lauda. Con questa soluzione aerodinamica, che incolla l’auto al suolo, e altre numerose ottimizzazioni,  non sono indispensabili grandi spoiler.

Così la Murray, lunga 4,35 metri, larga 1,85 e alta 116 si prepara ad essere un’arma affilatissima. Il powertrain dispone di un sistema mild hybrid, il cambio è manuale a 6 marce fornito da Xtrac, la trazione posteriore, dotata di  differenziale autobloccante. Solo per piloti veri.

Murray T.50, prima uscita in pista per la hypercar con la ventola

Leggi anche: tutte le informazioni della supercar

Ultima modifica: 17 marzo 2021

In questo articolo