Anche Mitsubishi rimuove Ghosn, gli resta solo Renault

323 0
323 0

Dopo Nissan anche Mitsubishi ha rimosso Carlos Ghosn dalla carica di presidente. Il 64enne nativo del Brasile ha conservato la propria carica solo in Renault, dove è stato nominato un a.d. ad interim in attesa di una decisione definitiva. Ghosn è stato arrestato lunedì scorso in Giappone con l’accusa di evasione fiscale. Nel periodo fra il 2010 e il 2014 avrebbe evaso il fisco per 44 milioni di dollari.

Al momento Ghosn è detenuto nel carcere di Tokyo. La settimana scorsa era stato sollevato dalla carica di presidente di Nissan con una decisione unanime. Ieri si è riunito il Cda di Mitsubishi che ha preso la stessa decisione. Il ceo della Casa giapponese Osamu Masuko ha dichiarato che Ghosn “ha perso la fiducia di Nissan e non può più adempiere ai suoi compiti come presidente”. Se Mitsubishi non avesse preso questa decisione, continua Masuko, “si sarebbe esposta a rischi sulla sua reputazione”.

Ghosn si trova in carcere da una settimana. Non gli è fin qui stato permesso di vedere alcun membro della sua famiglia. Le uniche visite che ha ricevuto sono state quelle dell’ambasciatore francese e del console generale brasiliano. Mercoledì ad Amsterdam ci sarà una riunione fra i vertici di Nissan e Renault. Sebbene il meeting fosse stato programmato prima dell’arresto, è inevitabile che la questione sarà una delle principali in agenda.

Ultima modifica: 27 novembre 2018