Mini Aceman, crossover elettrico e digitale che viaggia nel futuro

1008 0
1008 0

di Giuseppe Tassi

Aceman porta un nome che starebbe bene ad un supereroe e di certo spalanca la porta sul futuro imminente della casa britannica. Con un concept di Mini elettrica, colorata e supertecnologica. La prossima famiglia a batterie del Marchio nascerà seguendo le linee di tendenza di questo suggestivo prototipo, mostrato in anteprima online alla stampa mondiale.

Per vederlo materialmente bisognerà attendere il Gamescon di Colonia, una rassegna di videogiochi futuribili in programma dal 23 al 28 agosto.

La sede della presentazione non è casuale perché la cifra caratteristica di Aceman sta proprio nell’evoluzione delle tecnologie elettroniche. A cominciare dalla grande plancia che occupa tutto il frontale e si estende fino ai sedili.

Al centro c’è uno schermo oled rotondo in perfetto stile Mini. La magia garantita dal Mini Operative System consente di trasferire il sistema di controllo, con le indicazioni necessarie al guidatore e al suo equipaggio, sull’intera plancia.

Aceman sarà di serie nel 2024

Un’ esperienza digitale davvero unica. Una suggestione in più nel cuore di un’auto dalla struttura interna volutamente semplice e minimalista.

Nei piani di Mini, Aceman e il modello di serie che ne deriverà nel 2024, si collocano idealmente tra Mini Cooper e Mini Countryman, con una decisa vocazione da multiutility car.

Quattro porte, cinque posti, ampio bagagliaio, portapacchi ben visibile, Aceman è lunga 4,05 metri, larga 1,99 e alta 1,59.

La carrozzeria è in Icy Sunglow Green, una tinta che richiama il colore cangiante del ghiaccio. Che ben si sposa con gli inserti in verde acceso del tetto, degli specchietti laterali, dei contorni dei fanali e della griglia ottagonale chiusa e illuminata.

Spigoli vivi e tratti decisi riassumono il design di un’auto che non rinuncia al tipico Dna Mini. Ma si caratterizza per le cornici della carrozzeria, i passaruote sagomati, i cerchi imponenti da 20 pollici, i pannelli di protezione anteriore e posteriore per evitare di restare incastrati in scomodi parcheggi.

I sedili hanno il poggiatesta incorporato e sono costruiti con materiali riciclati ed ecosostenibili. I contrasti di colore, come il verde intenso del volante, sono un altro segno di personalità di Aceman.

Servono a conferire una nota di allegria e di disimpegno per un’auto dalla vocazione green. Che vuol essere compagna di viaggio fedele, silenziosa e pulita nei week end e nelle occasioni di svago.

Ma il messaggio del concept va oltre la singola vettura. Le tecnologie collaudate su Aceman troveranno piena applicazione in tutti i futuri modelli della nuova famiglia elettrica di Mini. Un preambolo del futuro prossimo.

Leggi ora: per gli italiani l’auto elettrica non è più così green e comoda

Ultima modifica: 9 agosto 2022