Mercedes EQS, ammiraglia elettrica da 780 km di autonomia | VIDEO

1548 0
1548 0

Mercedes EQS è la ammiraglia elettrica della Stella a tre punte. Affianca nuova Classe S, la mitica Sonderklasse, archetipo della grande auto di lusso per eccellenza.

Mercedes EQS

Una gemella a elettroni, che presenta una serie di novità destinata a fare la storia di Mercedes-Benz nel futuro prossimo.

Ovvero la  uova piattaforma modulare Eva, dalle quale nasceranno la EQE (la Classe E elettrica) e i grandi Suv a batterie, lo spettacolare Hyperscreen che di fatto fa diventare la plancia digitale in tutta la sua larghezza. E una autonomia che può arrivare a 780 km, alla faccia dell’ansia da ricarica.

Efficace anche sulle grandi distanze, quello che si chiede a una ammiraglia. Comfort, ma anche un lungo raggio di azione. Sfatando una delle storiche lacune delle auto elettriche.

Hyperscreeen, la plancia è interamente digitale.

Mercedes EQS arriverà sul mercato italiano a settembre. EQS 450+ a trazione posteriore (333 cavalli e 568 Nm di coppia) ed EQS 580 4Matic con doppio motore (523 cavalli e 855 Nm) e trazione integrale. Il prezzo sarà superiore ai 100.000 euro.

Ammiraglia al top per efficienza

Cambia anche lo stile. Nonostante una lunghezza di 5,22 metri, EQS si presenta con forme esterne più muscolose e dinamiche. La batteria, dalla capacità di ben 108,7 kWh, permette di arrivare ai 780 km di autonomia sulla meno potente ma anche meno pesante EQS 450+ (2.480 kg contro 2.585 kg).

La stazza e la massa sono bilanciare dal baricentro basso garantito dall’architettura elettrica (che comunque “alza” le sedute di qualche centimetro) e dalle ruote posteriori sterzanti che aumentano agilità e precisione di guida.

I futuri aggiornamenti over the air (OTA, via etere) permetteranno rendere l’accumulatore più efficiente per aumentare ancora il range. All’efficacia a velocità costante contribuisce anche l’aerodinamica con il Cx di 0,20, il migliore al mondo per un’auto di serie.

Battere così possenti però possono essere ricaricate dalla colonnine HPC (le fast charge), che permettono di recuperare 300 km in un quarto d’ora o l’80% della capacità totale in 30 minuti.

Il fantastico Hyperscreen offre in plancia per oltre 42 pollici: 12,3″ per entrambe gli schermi di guidatore e passeggero e 17,7 pollici per quello centrale. Raccolti da una superficie vetrata di sicuro effetto.

Tutte le funzioni sono sotto controllo, anche col sistema Mbux, che all’ordine “Hey Mercedes” è in grado di eseguire quasi ogni ordine.

Un concentrato di tecnologia. Al quale da inizio 2022 si potrà aggiungere il Drive Pilot, il sistema che permetterà, ove possibile, la guida assistita di livello 3, di fatto semi automatica. Anche questo sarà aggiornabile via OTA: non resta che attendere lo sblocco della legge negli Stati europei per questa tecnologia.

Mercedes EQS, le foto su strada

Leggi anche: Smart EQ, la prova a Roma della piccola elettrica

Ultima modifica: 27 luglio 2021

In questo articolo