McLaren 600LT Spider, la “Codalunga” perde il tetto

517 0
517 0

Dopo il teaser della settimana scorsa, ecco il nuovo modello McLaren della famiglia Longtail. La nuova “Codalunga” è la 600 LT Spider. Basata sulla versione coupé, il modello perde il tetto per una guida a cielo aperto. Con un prezzo base di 256.500 euro, anche questa versione come la Coupé sarà disponibile in edizione limitata.

Premendo un bottone il tetto elettrico si alza o si abbassa in tre pezzi, fino a una velocità massima di 40 km/h. Un deflettore del vento in vetro elettrico può essere attivato indipendentemente dal tetto. In questo modo si riduce il disturbo dell’aria o si aumenta la ventilazione. Oppure ci si può godere il suono del motore offerto dagli scarichi alti che sono esclusivi per la 600LT.

Il motore è lo stesso della Coupé. Il V8 biturbo da 3.8 litri genera 600 cavalli di potenza e 625 Nm di coppia, uguale per le due varianti. Il telaio monoscocca in fibra di carbonio è supportato da un cambio a sette rapporti, doppia frizione Seamless Shift (SSG). Nella modalità “Sport”  propone l’Iginition Cut per cambi di marcia più rapidi.

La 600LT Spider raggiunge i 100 km/h da ferma in 2,9 secondi. Per raggiungere i 200 km/h sono necessari 8,4 secondi, solo 0,2 secondi in più della Coupé. La velocità massima è di 324 km/h con il tetto alzato, oppure di 315 km/h con il tetto abbassato. L’ala posteriore è fissa come nella Coupé. Nonostante la perdita del tetto, vengono generati gli stessi 100 kg di carico aerodinamico a 250 km/h.

Il sistema di sospensioni è a doppio braccio oscillante in alluminio forgiato, con ammortizzatori ricalibrati e blocchi motori più rigidi ed un sistema di frenata più leggero. La 600LT Spider è equipaggiata con pneumatici Pirelli P-Zero Trofeo R. Gli interni sono caratterizzati di serie da leggeri rivestimenti in Alcantara e sedili sportivi in fibra di carbonio che vengono dalla McLaren P1. I sedili ultra leggeri in fibra di carbonio disegnati per la McLaren Senna sono disponibili come optional.

Ultima modifica: 16 gennaio 2019

In questo articolo