Mazda3 prova su strada. Design seducente e consumi tagliati | VIDEO

2062 0
2062 0

Nella grande partita globale che ha per posta il futuro dell’auto, Mazda cala l’asso e, con la presentazione della nuova serie 3, annuncia un motore rivoluzionario che stupirà per i suoi effetti speciali.

Mazda3 prova su strada

Un benzina che funziona come un diesel, cioè lo Skyactiv-X, dotato di Spark Controlled Compression Ignition, nel quale la miscela di aria-benzina viene accesa per compressione, come nei motori a gasolio, il che garantirebbe, secondo la Casa giapponese, prestazioni simili a quelle di un 2.5 benzina e consumi pari a quelli di un 1.5 diesel, con la potenza di 181 cv.

Arriverà dopo l’estate a equipaggiare prima di tutto la nuova Mazda 3, complemente rivoluzionata, presentata su strada nei dintorni dell’Estoril, in Portogallo.

Qual è la novità che colpisce in questa vettura del segmento C, sulla breccia dal 2003 (6 milioni di esemplari venduti, di cui 1 milione in Europa), e che inaugura la nuova generazione dei modelli Mazda? Innanzitutto l’upgrade verso il segmento premium che, pur mantenendo i prezzi sui livelli precedenti, garantisce al cliente il miglior rapporto qualità-prezzo rispetto alle dirette concorrenti.

Mazda3 offre la possibilità di scegliere fra quattro livelli di allestimento, ma già in quello entry (Evolve) le dotazioni sono pressoché complete, due tipi di cambio, manuale e automatico a doppia frizione (2.000 euro in più), entrambi a 6 rapporti e due motorizzazioni, benzina (mild-hybrid) e diesel.

Il propulsore a combustione Skyactiv-G è un 2 litri da 122 cv e per aumentare l’efficienza nei consumi è dotato di un sistema di disattivazione dei cilindri, che commuta il funzionamento fra due e 4 cilindri.

A questo motore è abbinata una piccola unità elettrica, il sistema Mazda M Hybrid a 24 volt, dotato di batteria agli ioni di litio da 600 kj (kilojoule) e di convertitore di corrente cc-cc, che consente un migliore spunto in accelerazione e ripresa.

C’è poi il Diesel Skyactiv-D 1.8 da 116 cv che vanta un consumo medio di 4,1-4,2 l/100 km, emissioni di Co2 di 107-109 g/km ed è dotato di un catalizzatore ad accumulo per abbattere le emissioni di ossido d’azoto. Design innovativo, accuratezza e qualità degli interni e dotazione pressoché completa dei vari sistemi di assistenza alla guida e di sicurezza.

Su strada: dinamica e confortevole

Al volante le sensazioni sono tutte positive, il comfort si abbina alla sportività soprattutto sulla 2.0 mild hybrid benzina. Due display, da 7 e da 8,8 pollici (quest’ultimo al centro del cruscotto) garantiscono un’immediatezza di lettura (come optional c’è anche l’head-up display), i comandi sono stati semplificati e sono di facile utilizzo.

L’evoluto Mazda connect (sia Apple sia Android) comprende un migliore riconoscimento vocale, un sistema di navigazione aggiornato. E perfino un manuale dell’utente digitale per facilitare l’accesso alla informazioni utili. Prezzi molto competititvi da 23.200 euro a 31.350.

Cesare Paroli

Ultima modifica: 12 marzo 2019

In questo articolo