Mazda CX-60 PHEV, Suv ibrido plug-in

686 0
686 0

Mazda CX-60 PHEV è un modello storico per Mazda. Prima ibrida plug-in del Marchio, porta all’esordio una nuova piattaforma ed sarà anche trazione posteriore, a vantaggio del comportamento dinamico e del piacere di guida. A questo modello si affiancherà la CX-80, che sarà a sette posti.

Mazda CX-60 PHEV

Mazda CX-60, che in Italia avrà un prezzo a partire da 49.950 euro e sarà in concessionaria a settembre, oltre alla PHEV avrà anche altre versioni ibride a 48V benzina e Diesel, con motori termici elettrificati, ma molto prestanti, anche oltre 3 litri di cilindrata. 

Una Suv-ammiraglia per forme e contenuti. CX-60 PHEV è lunga 4,74 metri, larga 1,89 m, alta 1.68 e con generoso passo di 287 centimetri, che prefigura una ottima abitabilità. Il design è nel solco del Marchio. Dinamico e razionale, per esterni e abitacolo, con strumentazione digitale, ma la presenza di manopola sulla console e tasti fisici.

Dispone del riconoscimento facciale e di una tecnologia di bordo al vertice. Presenti i sistemi che garantiscono la guida assistita di secondo livello avanzato. Nonostante le batterie il bagagliaio ha una capacità da 570 a 1.148 litri. Gli allestimenti sono Prime Line, Exclusive Line, Homura e Takumi fino a un listino di 55.850 euro.

La Mazda più potente di sempre

La prima versione sarà CX-60 PHEV, la ibrida ricaricabile a trazione integrale permanente. Dispone di un motore elettrico da 100 kW e di un 2.5 litri benzina, abbinati a un cambio automatico a otto marce. Il sistema eroga una potenza di 327 cavalli e 550 Nm di coppia. E’ la Mazda di produzione più potente di sempre e accelera in 5,8 secondi da 0 a 100 km/h. La batteria ha una capacità di 17,8 kWh, accreditata di una percorrenza in elettrico di 60 chilometri.

Ultima modifica: 9 marzo 2022

In questo articolo