Mazda CX-50, iniziata la produzione nello stabilimento negli USA

850 0
850 0

Mazda ha iniziato il 18 gennaio la produzione del SUV crossover CX-50 presso il nuovo stabilimento della Mazda Toyota Manufacturing a Huntsville, in Alabama.

Destinata al solo mercato nordamericano, la CX-50 è la prima vettura del Marchio di Hiroshima ad essere prodotta nella fabbrica.

Con l’inizio della produzione nel nuovo stabilimento, dotato delle più recenti tecnologie sviluppate grazie alle conoscenze condivise dei due Marchi, Mazda ha messo in atto un sistema di produzione e fornitura che consente la tempestiva consegna ai propri clienti di prodotti di alta qualità.

La Mazda Toyota Manufacturing (MTM) è una joint venture paritetica tra le due Case automobilistiche e ha una capacità produttiva annua di 300.000 veicoli (150.000 per ognuna). La MTM è stata concepita come parte di una più ampia collaborazione fra Mazda e Toyota che prevede lo sviluppo condiviso di tecnologie per i veicoli elettrici, le auto connesse e i sistemi di sicurezza avanzati.

La Mazda CX-50, nata specificatamente per il mercato nordamericano e presentata da Mazda North America lo scorso novembre, sarà commercializzata a partire dalla primavera di quest’anno. Il nuovo SUV crossover conquista grazie al design che interagisce con l’ambiente rispettandolo, al propulsore potente e molto efficiente abbinato a un sistema AWD adottato su tutta la gamma, e alla sua elevata stabilità di marcia nel fuoristrada.

Le nuove Mazda

Il nuovo modello precede due SUV crossover più grandi che verranno lanciati in Europa nei prossimi due anni: la Mazda CX-60, con due file di sedili, e la Mazda CX-80, che di file ne avrà tre, segneranno l’introduzione in Europa dei powertrain ibridi plug-in. Nell’abbinare elevata potenza e basse emissioni, verranno offerti anche un motore di nuova generazione a sei cilindri in linea Skyactiv-X con accensione per compressione e un diesel Skyactiv-D dotati entrambi di sistema ibrido a 48V.

Leggi ora: Mazda MX-5 2022, l’intramontabile spider si aggiorna 

Ultima modifica: 27 gennaio 2022

In questo articolo