Mazda CX-30 2021, tutte le motorizzazioni ibride beneficiano degli incentivi

426 0
426 0

Mazda CX-30 2021, il crossover coupé si rinnova. Beneficia dell’aggiornamento del motore a benzina Skyactiv-X SPCCI (Spark Controlled Compression Ignition), che offre prestazioni più elevate e una maggiore efficienza.

Arriverà nelle concessionarie italiane dalla fine di gennaio con un prezzo da 24.950 euro per la versione 2.0L Skyactiv-G 122 CV Evolve fino a 36.750 euro per la 2.0L Skyactiv-X Exclusive. Tutte le motorizzazioni ibride, sia Skyactiv-G sia Skyactiv-X, godono dei recenti incentivi introdotti dal governo italiano

Scarica ora: CX-30 2021 – Listino Pubblico


Lo Skyactiv-X 2.0 litri vanta ora, infatti, 186 CV e una coppia di 240 Nm contro i precedenti 180 CV e 224 Nm. Migliora anche il consumo di carburante WLTP che è sceso a 5,7 l per 100 km, e le emissioni di CO2 diminuite a 128 g di CO2 nel ciclo combinato (dati WLTP).

Tali miglioramenti, sia di potenza sia di efficienza, sono stati ottenuti grazie all’ottimizzazione del controllo della combustione, i pistoni modificati e l’aggiornamento del software Mazda M Hybrid. Questo si traduce in una più ampia fascia operativa nella efficienza della combustione e, modificando il rapporto di compressione del motore Skyactiv-X da 16,3:1 a 15,0:1, si è fornita una stabilità di accensione ancora maggiore, riducendo ulteriormente il già bassissimo rischio di inattese autoaccensioni o preaccensioni dovute alla variabilità nella qualità del carburante sui diversi mercati. L’aumento della coppia è distribuito lungo tutto l’arco di erogazione, dando principalmente ai bassi regimi una sensazione gradevole di pienezza e prontezza di risposta.

Tre le motorizzazioni disponibili sulla CX-30 2021, tutte dotate di tecnologia Mazda M Hybrid: 2.0L Skyactiv-G da 122 CV, 2.0L Skyactiv-G 150 CV e 2.0L Skyactiv-X ora con potenza di 186 CV; le ultime due unità sono inoltre disponibili anche con cambio automatico Skyactiv Drive e trazione integrale i-Activ AWD. Ora anche i motori Skyactiv-G 2.0L 122 e 150 CV con cambio manuale presentano emissioni di anidride carbonica più ridotte, contenute sotto il limite dei 135 g/km nel ciclo WLTP.

In termini di design si differenzia, esternamente, per i nuovi badge “e-SKYACTIV G” e “e-SKYACTIV X”. Per quanto riguarda gli interni, le modifiche previste consistono in un nuovo rivestimento nero della plancia superiore e delle finiture interne, prima di colore blu sulle versioni Evolve, Executive ed Exceed. Sulle versioni Exclusive top di gamma, invece, rimarrà inalterata l’attuale colorazione marrone.

La versione per il centenario

Per la sola versione 2.0L Skyactiv-X 186 CV 2WD con cambio manuale, sarà disponibile anche con l’esclusivo allestimento 100th Anniversary che arricchisce, la già completa dotazione di serie del modello, con ulteriori finiture di pregio comuni a tutti gli altri modelli della gamma 100th Anniversary, quali la colorazione esterna Snowflake White Pearl, i sedili interni in pelle Burgundy Red con poggiatesta anteriori con logo goffrato, i badge esterni, i coprimozzi centrali con logo esclusivo e una serie di ulteriori dettagli studiati per celebrare i cento anni della Casa automobilistica giapponese.

Leggi anche: Mazda CX-3 2021, la prova su strada di QN Motori. La sorpresa del duemila benzina.

Ultima modifica: 7 gennaio 2021

In questo articolo