Mazda CX-3 2021, prova su strada. La sorpresa del duemila benzina | VIDEO

1665 0
1665 0

Mazda CX-3 2021 arriva in un momento delicato per il mercato. Ma è pronta a piacere e sorprendere, come tutti i prodotti del Marchio di Hiroshima, con qualità peculiari.

Il crossover cittadino si aggiorna, senza intaccare il suo stile, retaggio del design Kodo, che da dieci anni rende le Mazda originali e armoniose, pur con un piglio dinamico. La vettura, forte di una notevole qualità generale di partenza, è stata affinata in molti elementi.

Proporzionata nei suoi 4,28 metri di lunghezza, è sempre attuale. Valorizzata dalla nuova livrea polymetal gray metallic dell’esemplare in prova, anch’esso sintesi di un’eleganza sportiva che rende CX-3 piacevole.

Scarica ora: Mazda CX-3 – scheda tecnica

Una trazione anteriore a “ruote alte”, un SUV urbano, che si guida come una berlina. Agile e precisa, la giapponese si presenta con un solo motore a listino.

Controcorrente, niente riduzione della cilindrata (dowsisizing), ma con il conforto dei numeri. Non spaventi il “duemila” a benzina come unico propulsore. Il quattro cilindri aspirato Skyactiv-G da 121 cavalli di potenza serba sorprese, come verificheremo nelle prossime righe.

In abitacolo spicca la cura e precisione generali, anche nei dettagli. In questo Mazda si conferma di alto livello. D’effetto, alla vista e al tatto, la microfibra su plancia e pannelli delle portiere.

Con l’aggiornamento sono arrivati i sedili di nuova conformazione, progettati per mantenere il bacino in posizione naturale, conservando la tipica curva a S delle nostra colonna vertebrale. A tutto vantaggio nei viaggi di lungo e corto chilometraggio.

Nessuna sbavatura, con i plus di un sistema multimediale aggiornato, che comprende la compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay, quest’ultimo anche in modalità wireless, una comodità quando si sale in macchina. Unico neo in questo contesto, il display in plancia da 7 pollici soddisfa per funzioni, meno per dimensioni.

Potenziati i sistemi di assistenza alla guida, che Mazda inserisce nel pacchetto Active Sense: si aggiungono la frenata in città (Advanced Scbs) con riconoscimento dei pedoni notturno, l’aggiornamento del radar del cruise contro adattivo. Ritarata anche l’accensione automatica delle luci.

Leggi anche: Mazda MX-30, la prova di QN Motori dell’elettrica di qualità

A richiesta anche il monitoraggio delle vettura a 360°, che grazie a quattro telecamere, permette di uscire in scioltezza dalle manovre più ostiche.

Sedili rinnovati, per una posizione di guida naturale e sempre sorretta.

Due gli allestimenti di CX-3 2021, Executive con prezzo da 23.150 euro ed Execeed, che arriva a 26.750 euro nella versione con cambio automatico. Quello che è stata oggetto della nostra prova: dotato anche di head up display e persino di lettore CD, ormai una rarità.

A bordo una sola lacuna, un bagagliaio ben sfruttabile ma non troppo capiente: la capacità di carico va 350 a 1260 litri.

Come potete vedere nel listino qui sotto, la dotazione di partenza è ricca, e gli optional a pagamento sono ben definiti.

Scarica ora: Listino Mazda CX-3

Mazda CX-3 2021

Mazda CX-3 2021, come va su strada

Come anticipato, la posizione di guida è indovinata. Alta e comoda, ma regala la sensazione di padronanza da berlina. Il SUV giapponese aggiunge un affinamento generale di telaio e sospensioni, avendo cambiato le molle e la barra stabilizzatrice. Pure lo sterzo è stato affinato.

Ne deriva una guida precisa. Piacevole, si entra presto in sintonia. Precisiamo, CX-3 non è diventata un’auto sportiva, ma dinamica, quasi disinvolta e ben insonorizzata. Spicca per il suo equilibrio generale.

Eccoci al motore duemila benzina. E’ un Euro 6d su cui Mazda ha lavorato al massimo dell’efficienza. Infatti non ha bisogno del filtro antiparticolato (da qualche tempo comune su molti propulsori a benzina) a testimonianza della sua efficacia.

La potenza di 121 cavalli non è elevata, ma la coppia di 206 Nm da 2.800 giri permette una marcia molto fluida. Le prestazioni sono adeguate, CX-3 automatica accelera da 0 a 100 km/h in 9.9 secondi e tocca i 187 km/h di velocità massima.

Ma non è questo il nodo, Mazda ha scelto un benzina aspirato di cilindrata elevata (per la categoria) al posto dei piccoli turbo, privilegiando i minori costi di gestione dovuti a robustezza ed affidabilità superiori e una marcia più elastica. Disponendo anche della disattivazione dei cilindri per una maggiore efficienza.

Mazda CX-3 2021: quanto consuma

Questa filosofia paga nella guida di tutti i giorni. La Casa dichiara un consumo medio di 7,1 litri/100 km, con un risparmio del 14% rispetto alla precedente versione. CX-3 automatica nel nostro test è stata capace proprio di una percorrenza media di 14 km/litro, tra statale, città e autostrada.

Questo giustifica l’abbandono del diesel nella gamma.  Il city crossover di Mazda anche con un solo motore è davvero polivalente.

Il due litri a benzina si comporta bene, facendo sentire la sua voce solo in avviamento. La spinta c’è sempre, il cambio automatico aiuta, ma il passo di un motore grosso, che “respira” bene, pronto a riprendere anche da bassi giri, è percepibile.

Ciliegina sulla torta, la vettura ripropone le proverbiali doti stradali delle Mazda, a proprio agio anche tra le curve. La CX-3 è fuori dal coro, ma con acuti che la rendono speciale.

Mazda CX-3 2021, la galleria fotografica

Leggi anche: Mazda CX-3 2018, la prova su strada di QN Motori

Ultima modifica: 4 dicembre 2020

In questo articolo