Maserati Innovation Lab, dove nasce il Tridente del futuro

743 0
743 0

Maserati Innovation Lab è il centro nevralgico del futuro, anche elettrificato, del Tridente. Culla di ingegneria di Via Emilia Ovest, non lontano dallo storico stabilimento di Via Ciro Menotti a Modena.

A maggio 2020 arriverà la nuova super sportiva realizzata nell’impianto emiliano. Innovation Lab si sviluppa su una superficie di 33 mila metri quadrati, e impiega ben 1.100 persone. Soprattutto ingegneri, di 17 nazionalità.

Lo scopo è concepire le Maserati del futuro. Chiamate a essere al top per prestazioni, digitalizzazione ovviamente anche elettrificazione. Innovation Lab è diviso in tre macro aree. Simulatore Statico, Simulatore Dinamico DiM (Driver-in-Motion) e i laboratori per lo sviluppo della User eXperience.

Il Simulatore Statico è il primo passo nello sviluppo dinamico della vettura. Serve per avere informazioni su freni, sterzo, ADAS, controllo di stabuità e frenata.

Driver in Motion per dimezzare i tempi di sviluppo

Il secondo passo è quello del Simulatore Dinamico. Un abitacolo installatori su ben nove supporti idraulici. Fondamentali per avere le informazioni più precise sulla guida e il comportamento della macchina. E permette di dimezzare il tempo di sviluppo.

L’utima area, dedicata alla User eXperience, è votata alla semplificazione dei comandi e a fonrnire le migliori informazioni. Strettamente legata all’assistenza alla guida e al parziale Self Drive. Maserati, come è noto sarà il primo Marchio di FCA ad avere sistemi per la guida autonoma di livello 3.

Ultima modifica: 14 novembre 2019

In questo articolo