Maserati elettrica, ibrida e a batteria. A maggio la super sportiva EV

546 0
546 0

Maserati ha ufficializzato i tempi e la produzione della sua gamma elettrificata. Ribadendo che “Tutti i nuovi modelli saranno sviluppati, ingegnerizzati e prodotti al 100% in Italia e adotteranno sistemi a propulsione elettrica, ibridi e a batteria, in grado di fornire elevata innovazione e alte prestazioni, tipiche del DNA del Marchio“.

Leggi anche: il test della Maserati GT elettrica 

Maserati Ghibli ibrida al Salone di Pechino

Si parte con Ghibli, poi la Maserati elettrica, cuopé e cabriolet

La prime del Tridente sarà Ghibli ibrida. Nel 2021 saranno invece prodotte Maserati GranTurismo e GranCabrio, che saranno le prime 100% elettriche della Casa.

Saranno assemblate nello stabilimento di Mirafiori con un investimento di 800 milioni di euro. Nello stesso stabilimento dove sarà assemblata Fiat 500 elettrica: Mirafiori rafforzerà nel corso del 2020 la sua posizione come polo mondiale dedicato all’elettrificazione. Per tutto il gruppo.

A Modena, casa Maserati, presso Innovation Lab c’è il fulcro dello sviluppo e la sperimentazione delle vetture in gamma e con la produzione della nuova super sportiva.

Maserati MMXX mulotipo muletto Maserati 6C
Maserati MMXX

Nel 2020, la prima delle nuove Maserati “made in Modena” ad apparire sarà la super sportiva, ricca di tecnologia e rievocativa dei valori tradizionali del Brand. Sia con versione a motore termica, sia elettrica. Saranno presentate a maggio, tra meno di tre mesi.

Nello stabilimento modenese sono in corso importanti aggiornamenti sulla linea di produzione volti ad ospitare anche la versione elettrica della super sportiva. In parallelo è già iniziata la costruzione di una linea di verniciatura, del tutto nuova per l’impianto.

1100 ingegneri al lavoro

Modena è l’Innovation Lab, il cuore pulsante della ricerca tecnologica, dello sviluppo e della progettazione. Dove progettano tutte le Maserati di oggi e di domani. Qui i processi digitali supportano lo sviluppo del prodotto applicando l’esclusiva ricetta Maserati che, attraverso un approccio integrato, pone l’uomo al centro sin dalle prime fasi: l’attenzione per il cliente è inserita nel mondo della simulazione virtuale con un mix esclusivo tra hardware e software.

Il nuovo simulatore

I processi digitali a supporto dello sviluppo del prodotto si concretizzano in tre grandi aree: il Simulatore Statico, il nuovo Simulatore Dinamico di ultima generazione DiM (Driver-in-Motion) e i laboratori per lo sviluppo della “User eXperience”. Al lavoro ci sono 1.100 ingegner. 

Nuovo SUV Maserati
Teaser non ufficiale del “baby” SUV Maserati

Il baby Levante a Cassino, in commercio dal 2021

Maserati avrà anche il SUV medio. “utility vehicle” Maserati costruito a Cassino. Sarà il modello chiamato a fare i numeri nelle immatricolazioni. Anche in questo caso si tratta di un investimento di circa 800 milioni di euro verrà utilizzato per la costruzione della nuova linea di produzione, che prenderà il via alla fine del primo trimestre del 2020.

La messa in strada delle prime auto pre-serie è prevista entro il 2021. Le parentele con Alfa Romeo Stelvio (piattaforma Giorgio) sono certe. Giocofroza il Baby Levante avrà un’ottima guidabili.

Maserati inizia i test del motore elettrico di GranTurismo e GranCabrio

 

Ultima modifica: 17 febbraio 2020