Manley su FCA Renault: società in un anno, fusione da posizione di forza

542 0
542 0

Mike Manley, CEO di Fiat Chrysler Automobiles, erede di Sergio Marchionne, è stato chiaro sulle dinamiche di una prossima fusione tra FCA e Renault. La lettera inviata ai dipendenti è eloquente.

Il nostro settore sta subendo la più radicale e marcata trasformazione che ha visto in quasi un secolo. La rapida introduzione della connettività, dell’elettrificazione, delle tecnologie di guida autonoma rappresenta una opportunità enorme. Cogliere questa opportunità richiederà coraggio, dimensioni adeguate e investimenti significativi. Per questo oggi sono orgoglioso di comunicarvi che abbiamo presentato a Groupe Renault una proposta di fusione “alla pari” con l’obiettivo di creare uno dei principali gruppi automobilistici al mondo con un potenziale di vendita di quasi nove milioni di veicoli annui, attraverso uno straordinario portafoglio di marchi in quasi tutti i mercati del mondo. Questa società risultante dalla fusione sarebbe un leader mondiale nelle tecnologie EV (Nissan e Renault), nei marchi premium (Alfa Romeo, Jeep e Maserati), nei Suv, nei pickup e nei veicoli commerciali leggeri, posizionandosi come una realtà globale pronta a compiere e vincere nell’industria automobilistica di domani“.

Manley ha aggiunto.

Lasciatemi essere chiaro. Il consiglio di amministrazione e io rimaniamo fiduciosi nella nostra strategia indipendente e ci approcciamo a questa fusione da una posizione di forza avendo concluso il 2018 con la migliore posizione finanziaria dalla costituzione di FCA. Allo stesso tempo, come ho affermato in precedenza, dovremmo e continueremo a essere aperti a possibilità che possano aiutarci a essere più forti e che creino ancora più valore allo stesso modo per i nostri azionisti e stakeholder. I benefici dell’operazione proposta non si ottengono dalla chiusura di stabilimenti ma poggiano, invece, sulla capacità della società risultante dalla fusione di investire capitale in modo più efficiente nelle piattaforme globali dei veicoli, nei sistemi di propulsione, nelle architetture e nelle nuove tecnologie producendo oltre cinque miliardi di sinergie annuali“.

Perché sarebbe una fusione con vantaggi bilaterali

In Groupe Renault abbiamo trovato un partner affine che vede il futuro come noi. Quelle che sono iniziate qualche tempo fa come conversazioni operative su una maggiore collaborazione si sono trasformate in una trattativa su una fusione dal momento in cui abbiamo riconosciuto gli enormi potenziali benefici per entrambe le società che risulterebbero dal mettere insieme i propri business. Abbiamo lavorato bene per arrivare a questo punto e questa sarebbe davvero una fusione su un piano paritario, di società che la pensano allo stesso modo per creare un’azienda leader a livello mondiale. In FCA, la nostra storia fatta di successi nell’esecuzione di complesse integrazione multiculturali di Original Equipment Manufacturer (OEM) parla da sola e ha dato a noi e a Groupe Renault un senso di fiducia su quello che possiamo raggiungere“.

Dopo Renault, anche Nissan e Mitsubishi

Noi crediamo che i benefici che matureranno da una fusione di Groupe Renault e FCA si estenderanno anche ai partner dell’Alleanza – Mitsubishi e Nissan –  e non vediamo l’ora di coinvolgerli in opportunità ancora più grandi e reciprocamente vantaggiose. Per noi, questa operazione ha il potenziale per aggiungere valore a tutto campo: per FCA, Groupe Renault e per tutti i nostri stakeholder, così come per tutti i partner dell’Alleanza. Sarà anche un esempio per tutto il settore di cosa si può realizzare se si è coraggiosi e a tal fine, anche se non c’è certezza sulla conclusione dell’operazione, puntiamo ad agire il più rapidamente possibile per assicurarci un accordo definitivo con Groupe Renault. Il nostro Consiglio di Amministrazione ha fortemente supportato la proposta“.

La conclusione di Manley e i tempi tecnici

Di fatto se questa fusione andrà avanti, la formazione della nuova società potrebbe richiedere più di un anno. In questo momento la migliore strada da seguire è continuare con la vostra costante dedizione nel rispettare i nostri impegni. Io farò lo stesso“.

Manley avanti col piano Italia «FCA aperta a nuove alleanze» John Elkann
Mike Manley, John Elkann e Alfa Romeo Tonale

Ultima modifica: 28 maggio 2019