Lancia Ypsilon a metano, come va e quanto consuma davvero

17489 0
17489 0

Lancia Ypsilon a metano: il suo nome è Ecochic. Il gas naturale è un’alternativa al diesel, al benzina e anche alle auto ibride. Ma negli ultimi tempi, complice il calo del prezzo dei carburanti nel 2015, sono calate le vendite. Ma rimane sempre un’opzione popolare: sono oltre un milione le auto a metano in Italia.

La Ypsilon a gas naturale non è una bruciasemafori, ma permette di viaggiare in tutta serenità. Senza rinunce, volendo anche con un passo più che dignitoso. Con un unico neo. Il motore TwinAir non gradisce i bassi regimi. E i primi metri, possono sembrare incerti. Con qualche rombosità di troppo in accelerazione, finché non si superano i 1500 giri.

Gli 80 cavalli a metano permettono un’accelerazione decente. Da 0 a 100 km/h in 14″. Ma soprattutto le riprese non sono letargiche. Anzi, la progressione è più che dignitosa per una citycar. Questo, per una macchina a metano, non è male. Anche a velocità autostradale c’è una riserva di potenza dignitosa. Si viaggia con tranquillità. Senza la sensazione, tipica delle vecchie auto a metano, di essere “piantati”.

Lancia Ypsilon a metano – i consumi

Su strada si comporta piuttosto bene. Ma passiamo al dunque. I consumi fanno passare davvero tutto in secondo piano. A metano la Ypsilon con 12 kg di pieno, meno di 12 euro, permette un’autonomia di circa 250-270 km. La percorrenza media è di circa 22 km con un 1 kg di metano, che costa mediamente poco meno di 1 euro.

Si spende davvero poco. Il comportamento è un po’ più reattivo rispetto alla Ypsilon benzina, diesel o GPL, per via dell’altezza da terra. Ma nulla di allarmante. Anzi la posizione rialzata di qualche centimetro regala una sensazione di maggior relax alla guida.

Lancia Ypsilon a metano, come va e quanto consuma davvero

Lancia Ypsilon a metano – l’impianto

L’impianto a metano della Ypsilon è quello di Fiat Panda, 500L e 500L Living. Realizzato sull’impianto sequenziale fasato di Metatron. L’auto è più alta perché è utilizzato il pianale della Panda 4×4. Fondamentale per stivare i due serbatoi per il gas in posizione sicura e senza togliere spazio. Il più grande, da 50 litri è sotto il baule. Il più piccolo, da 22 litri, sotto il telaio, nel tunnel.

Le bombole in acciaio sono protette da lamiere, le tubazioni per il gas sono in acciaio. Il bicilindrico turbo TwinAir ha una potenza di 85 cavalli a benzina, che scende a 80 a gas naturale. E anche la coppia si abbassa (14,3 kgm contro 14,8) ed è disponibile ad un regime più alto, 2500 giri invece che 1900.

Questione usura. Il metano sottopone il motore e le sue parti interne a stress maggiori rispetto al benzina. Durante la combustione sviluppa temperature più elevate e non fornisce effetto lubrificante alle sedi valvola. Per questo sono stati installati nuovi iniettori e rivisti il collettore d’aspirazione e le sedi valvole, che hanno una geometria specifica, realizzate in materiale a bassa usura. Questi accorgimenti dovrebbero risolvere, almeno nel medio termine, gli stress principali delle parti meccaniche.

Ultima modifica: 14 aprile 2017