Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO, ecco la GT racer

5558 0
5558 0

Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO, ecco la belva da pista. Si tratta della velocissima GT racer da 620 cavalli che sarà protagonista del monomarca. Il celebre Super Trofeo. La competizione che si svolge in Nord America, Europa e Asia.

E’ stata presentata a casa, a Sant’Agata Bolognese. Con delle premesse eccitanti: a Monza, tempio della velocità, ha rifilato un secondo e mezzo alla generazione precedente. 1’46″3 contro 1’47″8: un’eternità. C’è uno sponsor di alto prestigio, il produttore di orologi di precisione Roger Dubuis.

Lamborghini Huracan Super Trofeo EVO, il poderoso posteriore

Punta moltissimo su un’aerodinamica aggiornata (anche da qui il nome Evo). I perfezionamenti sono frutto del lavoro degli ingegneri del reparto Motorsport di Lamborghini in collaborazione con gli specialisti della Dallara Engineering. Ci sono anche  sistemi sofisticati anche per la sicurezza.

Le parole del CEO, Stefano Domenicali

Lamborghini Squadra Corse continua nel suo percorso di crescita. Volto a consolidare la nostra posizione di trend setter nel mondo delle competizioni . Siamo orgogliosi di collaborare con un brand di prestigio come Roger Dubuis. Con cui condividiamo i valori per la continua innovazione e unicità dei nostri prodotti. Questo sempre nel rispetto della tradizione e con l’obiettivo di emozionare e stupire i nostri clienti e appassionati del marchio in tutto il mondo

Maurizio Reggiani, Chief Technology Officer di Lamborghini

Aerodinamica ricercata e materiali ultra leggeri. Anche la Huracán Super Trofeo EVO si evolve nel segno di due pilastri tecnologici del brand. Proprio come la Huracán Performante stradale, dove i materiali compositi e la ricerca della massima efficienza aerodinamica sono alla base di prestazioni senza compromessi, la Huracán Super Trofeo EVO fa leva su questi elementi per continuare ad essere il riferimento della categoria”.

Una delle novità più evidenti  della Lamborghini Huracán Super Trofeo EVO è rappresentata dalla “pinna” longitudinale (rear fin) sul cofano posteriore e dalla presa d’aria superiore. La “pinna” laterale sul cofano posteriore, soluzione adottata dai prototipi di classe LMP1 della 24 Ore di Le Mans, dalle monoposto di Formula Uno. Introdotta per la prima volta su una vettura Gran Turismo da corsa da Lamborghini Squadra Corse, serve ad aumentare la stabilità.

La pinna funziona

Durante i test di sviluppo della nuova Huracán Super Trofeo EVO, iniziati già la scorsa primavera, i piloti ufficiali Lamborghini che si sono alternati al volante hanno percepito un sensibile aumento della stabilità durante la percorrenza delle curve veloci, con una riduzione del sovrasterzo a tutto vantaggio della stabilità di guida e una velocità di percorrenza curva superiore. Il cosiddetto airscoop sul tetto ha invece una duplice funzione: la prima è quella di creare una sovralimentazione dinamica per il propulsore V10 aspirato di 5.2 litri da 620 cavalli, quantificabile in un aumento di coppia del 3% alla velocità massima.

Come nel caso del precedente modello la Huracán Super Trofeo EVO adotta un’evoluzione del propulsore V10 aspirato di 5.2 litri. Che è derivato dalla Huracán stradale, con potenza elevata a 620 cavalli. La trasmissione è sulle ruote posteriori e il cambio è un sequenziale a 6 rapporti della X-Trac. Il comparto elettronico può contare su ABS della Bosch Motorsport e Traction Control della Motec, entrambi regolabili in 10 posizioni attraverso i rispettivi pomelli al volante. Per dare il massimo su ogni tracciato.

 

Ultima modifica: 21 settembre 2017

In questo articolo