Kia Stonic e Hyundai Kona, la generazione B-SUV cambia passo

14104 0
14104 0

Generazione B-SUV. Presenza massiccia al Salone di Francoforte di vetture alte da terra, ma compatte (a cavallo di 4 metri di lunghezza). Fove tra le molte novità spiccano le appariscenti (per i colori delle carrozzerie) Kona di Hyundai e Stonic di Kia. Sono “cugine” sudcoreane che condividono pianale e motori, attese sul mercato italiano a partire dal prossimo ottobre con prezzi (per ora ufficiosi) compresi tra 17 e 22 mila euro.

Hyundai Kona, ecco le foto ufficiali del SUV compatto
Kona

Dimensioni simili (4,16 metri di lunghezza per Kona, un centimetro in meno per Stonic) e design che ricalca lo stile dei due marchi. Look giovanile e sportivo per Kona, linee decise e volumi ben proporzionati per Stonic. Si differenziano nel frontale: maschera trapezoidale per il modello Hyundai, classico “naso di tigre” per Kia anche se più sottile e stilizzato rispetto a quello di Sportage. Kona inoltre dispone della trazione 4×4 (on demand), mentre Stonic ha solo la anteriore il che la accomuna alla famiglia delle Crossover urbane.

Kia Stonic Summer Tour

Entrambe offrono spazio abbondante per i passeggeri grazie a un passo di 2,6 metri e bagagliai capienti (da 352 litri a 1.143 con i sedili posteriori ripiegati). L’immagine da Suv o da Crossover è rafforzata dall’altezza da terra (17 centimetri) e da una fascia di protezione in plastica nera che ricopre i passaruota e i fascioni posteriori.

Mentre Kona ha il tetto di colore diverso dalla carrozzeria, Stonic si propone con originali modanature colorate. Compreso il grande spoiler che sovrasta il lunotto e che raccorda in maniera aerodinamica il tetto con la parte posteriore. Inoltre l’adozione di acciai ad alta resistenza per la scocca contribuisce ad incrementare la rigidità e la sicurezza senza incidere negativamente sul peso.

I motori

Kona e Stonic si presentano sul mercato come agguerrite concorrenti di Fiat 500X, Jeep Renegade e Nissan Juke, tanto per citare i Suv urbani che vanno per la maggiore. L’offerta dei motori, identica per i due modelli, è interessante: per i benzina si va dal 3 cilindri di 1.0 turbo (T-GDI) da 120 cv all’1.6 sempre turbo da 177 cv con cambio automatico a doppia frizione a 7 marce.

Per i diesel l’1.6 CRDI da 110 o 136 cv con cambio automatico sempre a doppia frizione e 7 marce. Per Kona è prevista una versione a emissioni zero (autonomia in elettrico: 400 km) attesa nel 2018. Mentre niente di simile è in programma per Stonic avendo Kia in famiglia l’elettrica Niro.

La dotazione

Ricca la dotazione di apparati elettronici di aiuto alla guida. Frenata automatica d’emergenza, controllo di mantenimento della corsia di marcia, abbaglianti attivi, sensore dell’angolo cieco, head up display per avere sempre davanti agli occhi le principali indicazioni su velocità e percorso del navigatore. Presente infine la ricarica wireless del cellulare.

 

Roberto Mazzanti

Ultima modifica: 25 settembre 2017