Kia Sportage mild hybrid e nuovi Diesel, la prova su strada | VIDEO

3471 0
3471 0

Kia Sportage è nata per piacere e continua nella sua missione. Estetica e tecnica, il SUV medio coreano (segmento C, lungo 4,49 metri) si conferma una compendio indovinato di forma e sostanza.

La quarta generazione del modello si aggiorna, a tuto tondo, con un design rinnovato e motori all’avanguardia. Semplifica la gamma e si presenta con un prezzo di assalto, al netto degli sconti, di 20.500 euro.

KIa Sportage 2019 prova su strada 13

Sono tre gli allestimenti a disposizione, Business Class, Energy e GT Linecon un “salto” di 2.500 e dotazioni a crescere. Il prezzo di partenza “lordo” è di 24.500 euro per Sportage 1.6 GDI (benzina 132 cv) Business Class. Il top di gamma è il 2.0 Diesel da 185 cv abbinato al sistema Mild Hybrid nell’allestimento GT-Line: 38.500 euro.

Listino Sportage 2018/2019

Il retaggio per Sportage è fondamentale. E’ il modello che ha permesso il salto di prestigio a Kia. Da Marchio a buon mercato, a brand di prodotti di alto rapporto/qualità prezzo e con un appeal non banale. Anzi! Prodotto a Zilina in Slovacchia per il restyling di metà carriera si presenta con design esterno ispirato alla performante originale berlina sportiva Stinger (la prova di QN Motori).

I fari a Led anteriori e posteriori, la griglia ancora più dinamica: le migliorie sono tutte indovinate. Rinnovato anche l’abitacolo, con nuove bocchette dell’aria, nuovi schermi in plancia (da 7 e 9 pollici) in un ambiente forse meno vistoso rispetto all’esterno, ma funzionale. Sportage restyling offre dieci colori di carrozzeria, fino ad oggi erano cinque, al pari di inediti cerchi in lega.

Il vero salto in avanti lo fanno i motori

Kia, ligia al suo pragmatismo di alto livello, punta sul Diesel. Nemmeno troppo a sorpresa, visti i dati reali del mercato e non le parole. In gamma ci sono i benzina 1.6 GDI e T-GDI da 132 e 177 cavalli.

Ma è chiaro che la parte del leone la faranno i due nuovi 1.6 a gasolio. Appartengono alla piattaforma U3, erogano rispettivamente 115 e 136 cavalli, la versione più potente è disponibile con la trazione integrale e anche col cambio automatico a doppia frizione a sette rapporti. Tutti i propulsori di Sportage rispettano la norma Euro 6d-Temp.

Kia Sportage su strada

In cima alla lista c’è il mild hybrid abbinato al due litri Diesel da 185 cavalli. Un sistema semplice e virtuoso, che Kia chiama EcoDynamics, basato sulla una batteria a 48 Volt, uno starter e un convertitore. Il produce potenza elettrica fino a 12 kW (in partenza e in salita), ricarica la batteria posteriore e recupera energia. Permette secondo la Casa di consumare fino al 7% in meno.

Abbinato al generoso Diesel, funziona in modo molto discreto, come abbiamo avuto la possibilità di provare nel percorso tra Milano e Pavia. Kia in ogni modo adotterà il suo mild hybrid anche su altri motori, Diesel e benzina.

Kia Sportage su strada ha mostrato doti importanti. Ottima abitabilità interna, anteriore e posteriore: e un bagagliaio da 500 litri di capienza. Una vocazione per il comfort generale, anche se l’aspetto è sportivo. Soprattutto ha confermato di essere una vettura molto equilibrata. Polivalente, adatta a sia chi cerca consistenza sia a chi ha un debole per l’estetica. Con il plus della garanzia di 7 anni, da non dimenticare mai.

Ultima modifica: 12 settembre 2018

In questo articolo