Kia e-Niro, il SUV elettrico da 450 km di autonomia

264 0
264 0

Alla portata di molti e per molti. Kia e-Niro, il SUV elettrico, compatto, almeno rispetto ad altri colossi a batterie, rappresenta un’alternativa reale.

Stazza sotto ai 4,4 metri di lunghezza, con un prezzo alto, ma non folle che con gli incentivi statali, con l’aggiunta, dove previsti. di quelli regionali o locali, diventa interessante. 

E soprattutto con una batteria, nella versione più performante, da 64 kWh, che garantisce una autonomia accettabile. Oltre 450 chilometri dichiarati, un raggio non banale, che può essere rabboccato in tempi lunghi, ma non biblici. Ad esempio con la Wall Box da casa (se si dispone di 7,2 kW) il pieno si fa in 6 ore, meno che in una notte.

A nostro avviso ricaricare appena si può, rimanendo tra il 20% e l’80% della capacità per non stressare la batteria, resta la scelta migliore. Da presa normale domestica per la carica completa servono circa 30 ore: ovvio che sono i “rabbocchi” sistematici da casa (dove l’energia elettrica costa meno, circa 0,20 euro a kW) la ricetta migliore.

C’è anche la versione da 39.2 kWh, che costa 4.500 euro in meno, ma percorre 289 chilometri e dispone di 136 cv di potenza.

Ci sono ancora dei paletti di logistica e praticità per l’auto elettrica al 100%, è innegabile, ma e-Niro è una di quelle che li dribbla meglio di tutte. L’autonomia reale si avvicina a quella dichiarata e il passo di questa sport utility a trazione anteriore è brillante. Più che i 204 cavalli, con un peso a vuoto di circa 17 quintali sono i quasi 400 Nm di coppia a rendere questa Kia sempre pronta.

Grintosa sul dritto, al semaforo potrebbe mettere in imbarazzo vetture con velleità sportiveggianti, e anche nel misto se la cava bene. Anche se la vocazione, di sterzo e sospensioni, è chiaramente quella del comfort, esaltato dalla silenziosità della marcia elettrica.

Per essere virtuosi, soprattutto nel traffico urbano, le palette al volante regolano il recupero di energia in su quattro livelli. Utilizzando quello più “deciso” in città si riesce a frenare di fatto senza toccare il pedale, situazioni di emergenza escluse.

Il sistema di bordo, strumentazione e multimediale (schermo da otto pollici), mantiene costantemente aggiornati. Sono disponibili varie modalità di guida per gestire secondo necessità o piacere l’energia a disposizione.

Tutto rimane sempre sotto controllo. I viaggi sono piacevoli, grazie anche ai sistemi di assistenza alla guida di secondo livello, che controllano e nel caso intervengono su sterzo, acceleratore e freno, e a un ottimo impianto hi-fi JBL.

Nessun sacrificio anche per i bagagli: la capacità di carico parte da 451 litri per arrivare a 1405 con la seconda fila dei sedili abbassata.

Leggi anche: Niro plug-in hybrid, la prova di QN Motori

Le Niro ibride

La famiglia di Niro, tutta elettrificata, prevede una versione mild-hybrid e la ibrida ricaricabile con autonomia solo elettrica di quasi 60 km, oltre a quella a doppia alimentazione.

La Casa coreana dispone anche della e-Soul, storico crossover dalle forme più ardite, sempre con le due configurazioni di batteria e potenza. Un’offerta ampia, ma soprattutto di sostanza.

Kia e-Niro, la galleria fotografica del SUV elettrico

Ultima modifica: 14 settembre 2020

In questo articolo