Jaguar Land Rover, i cambiamenti in programma nel Gruppo

382 0
382 0

Grandi Manovre per il Gruppo Jaguar Land Rover (JLR). Il programma si chiama Reimagine, dichiarazione di voler mutare, almeno parzialmente, la “vocazione” delle sue vetture, senza alternarne retaggio e prestigio.

Tyerry Bollorè , CEO di JLR ha illustrato il percorso dei prossimi venti anni.

Con tappe obbligate. Nel 2026 addio ai motori diesel, nel 2030 ci sarà una versione elettrica per ogni modello, quindi anche per i fuoristrada e le coupé e per il 2039 il Gruppo sarà totalmente carbon neutral. Un processo per gradi, ma irreversibile. Di conseguenza tutta la produzione sarà adeguata e aggiornata secondo gli standard, con un passo non  facile da tenere.

La strasfomazione sarà ù i più veloce per Jaguar, che entro il 2030 sarà totalmente elettrica. Tutte le nuove Jag saranno presentate senza motore termico. Ma non saranno solo a batterie: il Gruppo sta studiando anche la soluzione fuel cell, l’idrogeno è ritenuto una opzione percorribile. Al momento l’ammiraglia XJ è stata congelata, ma dovrebbe arrivare.

Data la massa più importante, per le Land Rover il 60% sarà totalmente a batteria e i 40% ibrido: le prestazioni in off-road saranno mantenute all’altezza delle aspettative. Attesi in questo caso sei modelli in cinque anni, disponibili sia in versione elettrica sia elettrificata. La prima Land Rover esclusivamente a batterie è attesa per il 2024 e la gamma sarà presentata con tre famiglie: Discovery, Defender e Land Rover. Fedeli al retaggio.

Ci saranno differenze sostanziali, poiché le piattaforme elettriche saranno distinte per Jaguar e Land Rover, secondo l’indole dei Marchi. Sportive o specializzate per il fuoristrada, con le relative peculiarità.

JLR fornirà anche nuovi servizi, quali un nuovo sistema software e l’abbonamento Pivotal. Che prevede un accordo anche solo mensile e personalizzabile secondo le necessità. Una nuova esperienza di proprietà.

 

Le parole di Tyerry Bollorè.

Abbiamo così tanti elementi al nostro interno. Si tratta di un’opportunità davvero unica. Altri devono fare affidamento esclusivamente su partnership e accordi esterni, ma noi abbiamo un accesso privilegiato a tutto ciò che ci consentirà di poterci protendere in avanti in modo rapido e con fiducia.”

Ultima modifica: 17 febbraio 2021

In questo articolo