Incidenti con animali, serve più prudenza. Il monito di ASAPS

670 0
670 0

Incidenti con animali in strada. Per gli automobilisti c’è anche questo pericolo da non sottovalutare. Vi proponiamo l’autorevole analisi di Giordano Biserni, presidente dell‘associazione degli amici della polizia stradale.

L’approfondimento di ASAPS

Quella degli incidenti col coinvolgimento di animali sulle strade continua ad essere una casistica sempre più rilevante. L’Osservatorio ASAPS che raccoglie – pur nei limiti delle segnalazioni raccolte o pervenute – i dati dei soli incidenti nei quali sono stati i conducenti o trasportati a riportare lesioni o a perdere addirittura la vita, offre una casistica già significativa.
Nel primo semestre del 2017 l’Osservatorio forlivese ha registrato 75 casi importanti. Nei quali 10 persone hanno perso la vita e altre 91 sono rimaste ferite, spesso anche in modo grave.

 

Inutile dire che gli incidenti che coinvolgono animali senza fortunatamente procurare conseguenze alle persone sono altre centinaia.
Ma rimaniamo ai dati dei sinistri con conseguenze agli umani. Sono 59quelli avvenuti di giorno e 16 quelli avvenuti nelle ore notturne. 70 si sono verificati nella rete ordinaria e 5 su quella autostradale. 57 incidenti hanno coinvolto autovetture, 3 autocarri o pullman, 22 motoveicoli, 8 delle biciclette.

 

Sono stati 9 gli incidenti con conseguenze per le persone in Emilia Romagna e Abruzzo, 8 in Lombardia, 6 in Toscana e Lazio, 5 in Sicilia, 4 in Campania, Liguria, Veneto, Marche e Sardegna. I rimanenti nelle altre regioni.
Ovviamente la maggior parte dei sinistri, ha visto coinvolti animali selvatici, 65 incidenti. In particolare cinghiali e 10 sinistri hanno coinvolto animali domestici.

 

A luglio i morti sono già 11 e i feriti 109.
Nel primo semestre del 2016 gli episodi registrati erano stati 58, i morti erano stati 9 e i feriti 68.
In tutto il 2016 gli incidenti registrati sono stati 119, i morti per impatti con il coinvolgimento di animali sono stati 16 e i feriti 151.
Una casistica che merita la dovuta attenzione e la necessaria prudenza da parte dei conducenti.

 

Giordano Biserni
Presidente ASAPS

Ultima modifica: 11 ottobre 2017