Hyundai i30 Fastback N safety car del Mondiale Superbike

354 0
354 0

La Hyundai i30 Fastback N sarà la safety car del Mondiale Superbike. La Casa giapponese e il campionato per moto derivate dalla serie hanno stretto un accordo di collaborazione lo scorso settembre. La i30 Fastback N che scenderà in pista avrà una livrea ispirata alla Hyundai i20 Coupe WRC.

Il debutto avverrà a Philip Island nel weekend del 22-24 febbraio, prima tappa del Mondiale. Ad Aragon, dal 5 al 7 aprile, sarà invece consegnata la flotta completa di auto ufficiali del Mondiale. La gamma sarà composta dai modelli i30 N e dalla gamma SUV Kona e Tucson che saranno utilizzate per diverse attività e saranno disposizione della direzione corsa e per il trasporto del personale medico.

Hyundai i30 Fastback N è il terzo veicolo N a elevate prestazioni di Hyundai. Ha debuttato al Salone di Parigi nell’ottobre del 2018. Il modello rappresenta la prima coupé a cinque porte high-performance del segmento C. E’ Dotata del differenziale elettronico a slittamento limitato che garantisce una trazione eccezionale e il massimo feeling di guida.

Il design della i30 Fastback N Safety Car è ispirato a Hyundai Motorsport. La livrea presenta una combinazione di colori che include Performance Blue, Active Red, un più scuro Hyundai Blue e il nero, nuovo colore per questa stagione. La grafica descrive il paesaggio di un territorio montuoso durante una gara del Mondiale Rally. Viene rappresentato in immagini digitali e distorto dall’alta velocità del veicolo in azione.

Le modifiche sono state limitate alle sole parti essenziali. La barra luminosa posteriore è stata collocata in posizione arretrata per contribuire a migliorare l’aerodinamica della Safety Car e per fornire una migliore visibilità ai piloti che la seguono. I sedili anatomici Sabelt offrono una migliore presa per il conducente e il medico. I cerchi sono da 19 pollici Active Red e Hyundai Blue. I pneumatici Pirelli P Zero su misura e le pastiglie dei freni Pagid assicurano performance da pista e un’elevata potenza di arresto.

Ultima modifica: 30 gennaio 2019