Honda Jazz Crosstar ibrida, la prova. Bassi consumi e qualità | VIDEO

631 0
631 0

Honda Jazz Crosstar ibrida è full hybrid (con due motori, benzina ed elettrico, che contribuiscono alla trazione) che mantiene tutte le le promesse. Virtuosa, efficace e dotata, in ogni particole. L’abbiamo toccata con mano.

La nostra prova è stata effettuata con la Crosstar 1.5 Executive eCVT, la versione crossover, leggermente più lunga (4.09 metri contro 4,04 di nuova Jazz), più alta da terra e con una connotazione estetica più marcata. Con disegno della griglia anteriore, protezioni di plastica nera, tessuti impermeabili e mancorrenti integrati sul tetto. Aspetto da fuoristrada (leggero), vocazione urbana e polivalente.

Honda Jazz Crosstar ibrida, la prova

Leggi anche: Nuova Honda Jazz, prezzo da 19.900 euro

L’approccio all’interno è di alto livello. Piacevole la plancia a sviluppo orizzontale, con una buona quantità di vani. Semplice e pulita: gli  schermi digitali (da 9,1 pollici per l’infotainment, più piccolo quello da 7” per la strumentazione) sono di facile consultazione: mutua tutto il pacchetto che ha esordito su Honda e, compreso anche l’Apple CarPlay wireless. Un plus comodo.

Eccellente per le dimensioni, lo spazio in abitacolo. La stazza è utilitaria, ma l’accoglienza è da monovolume. Un po’ sacrificato il bagagliaio (anche dalla presenza della batteria): la capacità parte da 304 litri (1.203 litri a sedili posteriori abbattuti). Nessuno è perfetto, la piccola giapponese si fa ampiamente perdonare con qualità complessive di alto livello.

Honda Jazz Crosstar ibrida, un powertrain che funziona alla grande

Il full hybrid è molto efficiente.  Il sistema I-Mmd di Honda CRV, ma con il 1.5 4 cilindri da 97 cavalli abbinato al motore elettrico da 109 cavalli. Nella modalità ibrida il motore a benzina in condizioni di poca richiesta di potenza (ciclo cittadino e statale) lavora per il generatore che alimenta il propulsore elettrico. Si viaggia solo elettrico alle basse velocità e in manovra, con lo stato di carica della batteria sempre sott’occhio a sinistra del cruscotto.

Il cambio non c’è, sostituito da un riduttore a rapporto fisso: la giapponese, costruita a Yorii, ha un passo felpato. I cambi di passo e di alimentazione avvengono in modo totalmente fluido: non ci si accorge di nulla, se non si spinge a tavoletta. In questo caso i giri del benzina salgono e la voce del propulsore è ben udibile.

Il plus di Honda Jazz Crosstar ibrida è che il motore benzin  quasi sempre lavora a supporto dell’elettrico. Questo fino alle andature medie.

Fino a 1.000 chilometri con un pieno in città

Abbiamo provato la piccola Honda prevalentemente nell’hinterland di Milano, nelle colline della Brianza, con un breve raid in autostrada. Con piena soddisfazione: dopo una giornata full time a bordo l computer di bordo ci ha comunicato un consumo medio di 4,5 km/litro, per una percorrenza di 22,2 km/litro. Notevole.

Nello specificonel traffico cittadino si percorrono 25 chilometri reali con un litro. Signifcano1.000 km teorici con un pieno, essendo il serbatoio di benzina da 40 litr). In questa la trazione molto spesso al 100% elettrica. Molto bene anche nel traffico extraurbano, prossima ai 20 km/litro. In autostrada si sta sui 13/14 km litro: ma non è questo l’habitat naturale di Jazz, anche se non demerita affatto.

Ottima la dotazione di serie degli ADAS che supportano la guida assistita di secondo livello: freno, acceleratore e sterzata possono essere controllati e gestiti dal sistema. Con il guidatore che può sempre intervenire: sono degli ottimi “correttori di bozze”. Un contributo potenzialmente deciso alla sicurezza.

Vivaci le prestazioni in ripresa e accelerazione (dichiarato un 9,4 secondi  nello 0-100). Anche se Honda Jazz Crosstar ibrida è  votata al comfort e alla guida rilassata (con uno sterzo preciso, ma non sportivo) con sospensioni che filtrano in modo soddisfacente.

La Jazz Crosstar 1.5 Executive eCVT, disponibile solo nell’allestimento top, ha un prezzo 26.900 euro. Ma Honda, in attesa dell’incentivo 3.500 con rottamazione) – Jazz rientra nel bonus, omologata con emissioni di CO2 di 110 k/km – che partirà, ricordiamo il 1° agosto, offre uno sconto di circa il 10%. E un’estensione di garanzia a 8 anni. Un pacchetto invitante.

Honda Jazz Crosstar ibrida, la galleria fotografica

Leggi anche: La rigenerazione delle batterie di Honda

Ultima modifica: 8 luglio 2020

In questo articolo