Honda Clarity fa un passo nel futuro. L’auto a idrogeno non è un’utopia | VIDEO

3065 0
3065 0

Avete mai viaggiato su un tappeto volante? Forse solo con la fantasia. Ma salendo a bordo di una Honda Clarity godrete di questa fantastica sensazione. La lussuosa berlina a cinque comodi posti dà la sensazione di sorvolare la strada, senza rumori e senza impatti, come se scivolasse su un cuscino d’aria.

Honda Clarity Fuel Cell
Honda Clarity Fuel Cell

Il segreto è nel tipo di alimentazione, l’idrogeno. E nella capacità degli ingegneri nipponici di cancellare ogni fruscio di carrozzeria, ogni rumore di rotolamento con l’uso di materiali fonoassorbenti. In tema di emissioni zero, Honda ha abbracciato fin dagli anni novanta la scelta dell’idrogeno. Un percorso accidentato e pieno di ostacoli (compreso lo tsunami che nel 2011 colpì il Giappone) culmina oggi nella Clarity, la sintesi più alta fra l’esigenza di salvaguardare l’ambiente e la funzionalità di un’auto di uso comune.

Honda Clarity Fuel Cell

L’alimentazione a idrogeno compresso permette di rifornire il serbatoio in soli 5 minuti. E garantisce un’autonomia di 650 chilometri. Le emissioni si risolvono in qualche sbuffo di vapore acqueo e niente più. Ma come funziona un’auto a idrogeno? Con il sitema delle celle a combustibile (fuel cell). La reazione chimica tra l’idrogeno (stoccato in un serbatoio) e l’ossigeno (contenuto nell’aria dell’ambiente) permette di ottenere energia elettrica e, come scarto, solo acqua. La prima alimenta un motore elettrico (o, in alcune fasi, ricarica una batteria tampone), l’altra viene espulsa sotto forma di goccioline.

Honda Clarity Fuel Cell

Con questo semplice sistema e un paio di importanti accorgimenti tecnici gli ingegneri Honda hanno raggiunto il risultato voluto. Il volume del motore è stato ridotto del 34%. Schiacciandolo sotto la batteria agli ioni di liotio nella parte anteriore della vettura. Il doppio serbatoio di idrogeno (uno di 24 e uno di 117 litri) occupa invece la zona posteriore. In questo modo Clarity diventa una berlina spaziossima (è lunga quasi 5 metri) con cinque comodi posti.

Honda Clarity Fuel Cell

L’aerodinamica è audace e segue i flussi d’aria incanalati sulle fiancate. Mentre gli interni sono in gran parte di Ultrasuede, un composito di materiali riciclabili. Perfettamente in linea con la filosofia verde della vettura. All’interno c’è anche un filtro-deodorante per salvaguardare la qualità dell’aria.

Honda Clarity, il sogno di un futuro prossimo

Raccontata così Clarity sembra l’auto dei sogni ma il prezzo (60mila euro) e la mancanza di infrastruture in Italia la mantengono nel limbo delle buone intenzioni. Eppure proprio da Bolzano, dove ha sede l’unica stazione di rifornimento a idrogeno del nostro Paese, parte una crociata verde. Lo scopo è quello di creare 20 distributori in Italia entro il 2020. E 400 in Europa entro il 2025 con il supporto della Ue e della sue politiche verdi. Raccontata così sembra solo una bella favola. Ma nella grande stazione di rifornimento di Bolzano si respira già l’aria pulita del futuro.

Giuseppe Tassi

Honda Clarity Fuel Cell

Ultima modifica: 23 ottobre 2017

In questo articolo