Guidare in autostrada: quali precauzioni prendere

443 0
443 0

Guidare in autostrada rappresenta un’attività compiuta quotidianamente da molti. Ciò nonostante, è bene ricordare di non sottovalutarne mai i rischi e i pericoli. E’ essenziale sapere quali precauzioni prendere, in caso di guida in autostrada. Conoscere le regole di viaggio e i limiti di velocità stabiliti è altrettanto importante. Vediamo meglio cosa occorre sapere, prima di mettersi in viaggio.

Guidare in autostrada: limiti di velocità

Prima di guidare in autostrada, è necessario essere consapevoli di quali siano i limiti di velocità. In Italia il limite massimo di velocità in autostrada è di 130 km/h. In caso di pioggia, il limite stabilito scende a 110 km/h. In caso di precipitazioni atmosferiche intense, tutti i caravan e i veicoli con rimorchio non possono superare il limite di 80 km/h .

Tuttavia, l’articolo 142 del Nuovo Codice della Strada prevede che in casi particolari, sia consentito il limite di 150 km/h. Ciò è possibile solo nel caso in cui la carreggiata possieda alcune caratteristiche :

  • La presenza di almeno 3 corsie per senso di marcia;
  • La presenza della corsia di emergenza;
  • La segnaletica evidente che confermi il limite di 150 km/h;
  • Un’attenta analisi che attesti il basso numero di incidenti stradali, in quel tratto di strada.

Il limite superiore di 150 km/h non è concesso in Italia e costituisce ancora un’eccezione nella rete autostradale italiana. Nel caso in cui sia consentito, è necessario che venga specificato tramite segnaletica.

Le sanzioni sono previste anche per chiunque adotti un andamento stradale troppo lento. Una circolazione troppo lenta infatti, può rivelarsi rischiosa. Un veicolo lento rischia di intralciare il transito degli altri veicoli presenti su strada. Per questa ragione, in autostrada sono vietati:

  •  I motoveicoli con cilindrata inferiore a 150 cm³;
  • I veicoli sprovvisti di pneumatici;
  • I sidecar;
  • Tutti i veicoli a motore che non superano gli 80 Km/h ( macchine agricole e macchine operatrici);
  • Le biciclette o altri velocipedi.

Esistono restrizioni per chiunque costituisca un pericolo per le altre vetture. Ad esempio, i veicoli con un carico non fissato correttamente o che non rientri negli standard prefissati. In qualunque caso, ogni norma dettata dal Codice Stradale, ha come obiettivo una circolazione sicura.

 Come usare la corsia di sorpasso

La manovra di sorpasso in autostrada va effettuata sempre sulla sinistra del veicolo che abbiamo davanti. Dunque la corsia di sorpasso è rappresentata dalla corsia di sinistra. Come usare la corsia di sorpasso correttamente? Prima di procedere al sorpasso occorre:

  • Accertarsi che la corsia di sinistra sia libera: quando si esegue un sorpasso è necessario dare sempre la precedenza agli altri, senza intralciare gli altri conducenti cambiando corsia;
  •  Inserire la freccia: prestare attenzione all’angolo che può nascondere un mezzo a due ruote;
  •  Uscire dalla corsia in anticipo: in questo modo rimarrà un margine di sicurezza;
  • Sorpassare il veicolo che precede: sorpassare il veicolo sempre tenendo la sinistra;
  • Rientrare nella corsia: quando si rientra nella corsia centrale, indicare la manovra inserendo la freccia di destra.

E’ consentito sorpassare a destra, solo nel caso in cui il veicolo che precede abbia già segnalato l’intenzione di svoltare a sinistra. Sorpassare sulla destra o in maniera pericolosa, comporta una multa compresa tra gli 80 e 308 euro, oltre alla perdita di 2 punti sulla patente. Chiunque venga sanzionato due volte in due anni, per aver effettuato un sorpasso creando pericolo, va incontro alla sospensione della patente per un periodo da 1 a 3 mesi.

Quando usare le piazzole di emergenza

Durante un viaggio lungo o breve, può capitare che vi sia la necessità di effettuare una sosta. Può verificarsi un guasto al veicolo o che un passeggero avverta un malore, compreso chi è alla guida. Fortunatamente le autostrade italiane sono dotate di piazzole di emergenza. Prima di farvi sosta, è importante sapere quali siano e quando usare le piazzole di emergenza.

L’articolo 3 del Codice della Strada, in particolare, riporta e spiega la precisa definizione di piazzola di emergenza: “parte della strada, di lunghezza limitata, adiacente esternamente alla banchina, destinata alla sosta dei veicoli“. La loro struttura è rappresentata da un ampliamento laterale della sede stradale, di lunghezza variabile.

Il segnale stradale della piazzola di emergenza è un elemento di segnaletica verticale. Esso è costituito da un pannello a fondo blu con un’area laterale stilizzata a forma di trapezio, situato alla destra di una linea discontinua.

Non esistono regole precise circa il tempo di sosta concesso nella piazzola. E’ comunque preferibile non sostare più a lungo del necessario. La regola principale, quando si è fermi su una piazzola, nel caso di un’emergenza reale, è indossare l’apposito giubbotto catarifrangente.

Perché è meglio usare il Telepass

Il Telepass è un apparecchio particolarmente utile per tutti i conducenti di veicoli in autostrada. Si tratta di un dispositivo elettronico associato alla targa del veicolo e al proprio conto corrente. Deve essere collocato sul parabrezza della propria vettura.

E’ meglio usare il telepass, perché quando si transita in corrispondenza di un casello autostradale, il dispositivo viene riconosciuto automaticamente da un impianto ottico, emettendo un bip. In questo modo, il transito è rapido ed il pagamento immediato. La sbarra del casello si solleva, sia in entrata che in uscita, confermando l’avvenuto addebito del costo del viaggio sul conto corrente associato.

Il Telepass solitamente ha un canone mensile di 1,26 euro. E’ la soluzione ideale per coloro che utilizzano la vettura prevalentemente in autostrada.

Coda in autostrada, come affrontarla

Quando si affronta un viaggio in autostrada, è bene informarsi circa gli aggiornamenti del traffico e le code presenti.

La prima regola è sintonizzarsi sulle stazioni radio più opportune o collegarsi ai siti internet tramite navigatore. L’importante è che siano in grado di fornire news attendibili ed utili, circa traffico e condizioni metereologiche. Inoltre, esistono ormai innumerevoli applicazioni su smartphone, capaci di pubblicare informazioni utili lungo il tragitto.

Nel caso in cui si debba affrontare una coda in autostrada, è possibile fermarsi presso una stazione di servizio, così da programmare un percorso alternativo. In tal modo si eviterà la “zona rossa” di ingorgo, solitamente comunicata dai bollettini autostradali.

Ultima modifica: 18 giugno 2020