Golf R, la più potente di sempre con i suoi 310 cavalli | VIDEO

9289 0
9289 0

Golf R, la più potente di sempre con i suoi 310 cavalli.  La Golf R è per tradizione il modello più scatenato della gamma, sempre a trazione integrale (4Motion), sempre con dotazioni particolarmente esclusive. Un successo iniziato 15 anni fa con il modello originario di questa serie, la Golf R32. La Golf di quarta generazione, lanciata nel 2002 e già allora in grado di erogare 241 CV, fu anche la prima Volkswagen al mondo a offrire il cambio a doppia frizione DSG.

Tre generazioni dopo, i cavalli di potenza della sportiva, nel frattempo denominata Golf R, sono saliti a 300. Con l’attuale restyling a livello di design e tecnologia, la potenza della Golf R 2017 si attesta a 310 CV (tra 5.500 e 6.500 giri). Il risultato? Una Golf di serie con i valori di potenza e accelerazione migliori di sempre. Il nuovo impianto di scarico sviluppato dall’azienda slovena specializzata Akrapovič, disponibile a richiesta, non fa che esaltare questa vocazione prestazionale.

Fino al 2014 la Golf R era disponibile esclusivamente in versione a tre e cinque porte. Nel 2015 la Volkswagen lancia in parallelo sul mercato il modello top di gamma della Golf nella versione Variant, proponendo quindi la Golf sviluppata dalla Volkswagen R GmbH in tre varianti di carrozzeria, tutte con velocità massima limitata elettronicamente a 250 km/h. Un limite che nell’attuale evoluzione della “R” potrà essere superato grazie al pacchetto Performance, disponibile a richiesta dal prossimo autunno, che aumenta la velocità massima a 267 km/h (270 km/h per la Variant).

La versione tre e cinque porte con cambio manuale passa da 0 a 100 km/h in appena 5,1 secondi, che scendono a 4,6 secondi per la versione con il DSG. La dinamica superiore non si deve unicamente al nuovo cambio DSG a 7 rapporti caratterizzato da straordinaria rapidità di innesto e al Launch Control, in questo caso di serie, ma anche al rendimento complessivo del motore. Infatti, le versioni con DSG passano da 380 a ben 400 Nm di coppia massima (tra 2.000 e 5.400 giri). La Golf R Variant con DSG taglia il traguardo dei 100 km/h dopo 4,8 secondi.

I guidatori più esperti possono esaltare le prestazioni sportive dell’auto attivando il profilo di guida Golf Race Mode e disattivando l’ESC (ESC off). L’efficienza del quattro cilindri turbo benzina a iniezione diretta garantisce poi a tutte le Golf R consumi contenuti in relazione alla straordinaria potenza. Nel ciclo combinato NEDC, la Golf R con cambio manuale consuma 7,9 l/100 km. Per scendere a 7,0 I/100 km con il DSG (cinque porte: 7,1 l/100 km). Per la Golf Variant R questo valore è pari a 7,2 l/100 km.

Dinamica con ancora più carisma

Gli esterni della Golf R. I paraurti ridisegnati, i fari e le luci posteriori con tecnologia LED di nuova concezione contribuiscono a dare vita a un design ancora più dinamico, mentre i terminali di scarico maggiorati regalano alla vettura un’imponenza superiore. Le fiancate della Golf R sono impreziosite da gusci degli specchietti retrovisori esterni cromati opachi o a richiesta in nero lucido o carbonio e vari cerchi da 18 e 19 pollici. Con una novità: i cerchi Spielberg da 19 pollici in nero con superficie tornita a specchio.

Gli interni della Golf R. Come tutte le nuove Golf, anche per i modelli R sono disponibili i nuovi sistemi di infotainment. Come il Discover Pro da 9,2 pollici con comandi gestuali e la strumentazione interamente digitale Active Info Display. I sistemi offrono una grafica specificatamente adattata alla Golf R. In modalità Sport il sistema di infotainment mostra in tempo reale nella consolle centrale valori di funzionamento del motore, come la pressione di sovralimentazione e la potenza erogata. Un accelerometro visualizza inoltre le forze di accelerazione.

La Golf R sportiva per tutti i giorni.  Non è più un segreto fin dalla prima Golf R del 2002. La Golf R a trazione integrale è una vettura sportiva che convince anche nell’impiego quotidiano. Insomma, come qualsiasi altra Golf. Con una capacità del bagagliaio da 343 a 1.233 litri la Golf R è la compagna ideale per ogni tipo di vacanza.

Impianto di scarico in titanio R-Performance by Akrapovič

Lo sloveno Igor Akrapovič è stato pilota professionista. Poi decise di dedicarsi alla produzione di impianti di scarico, in particolare di tipo sportivo, dando vita a prodotti di qualità. Assieme alla Volkswagen ha sviluppato un nuovo impianto di scarico in titanio R-Performance destinato alla nuova Golf R. L’impianto è disponibile per la Golf R tre o cinque porte (versione Variant esclusa). Come quasi tutti i sistemi firmati Akrapovič, anche l’impianto disponibile sulla Golf R impiega il titanio come materiale.

L’utilizzo di questo metallo nobile consente una riduzione del peso rispetto all’impianto di serie di 7 kg. L’impianto Performance R di Akrapovič regala alla Golf R un sound assolutamente inconfondibile. A seconda del profilo di guida il suono risulta ora più discreto nelle normali condizioni di impiego ora più grintoso e in stile Motorsport. Il sound tipico degli impianti Akrapovič rivela la propria essenza in particolare a regimi elevati e in fase di innesto. Un tuning perfetto, non eccessivamente forte eppure sempre emozionante. Se, analogamente agli impianti di serie, anche il sistema Akrapovič della Golf R prevede quattro terminali, dal punto di vista del design vanta invece una configurazione assolutamente originale.

Ulteriori optional Performance

Per tutte le varianti di carrozzeria della Golf R è disponibile a richiesta un impianto frenante Performance. Di 2 kg più leggero del sistema di serie, che riduce le masse non sospese. I componenti dell’impianto frenante Performance risultano estremamente resistenti al fading. Anche alle elevate temperature raggiunte soprattutto durante la guida su pista. I dischi freno anteriori sono caratterizzati da una particolare modalità costruttiva. La campana del freno è realizzata in alluminio. L’anello di attrito, in acciaio pressofuso, è collegato alla campana tramite perni calibrati incorporati per fusione. E può quindi dilatarsi in senso radiale in caso di surriscaldamento.

I dischi freno offrono inoltre ulteriori vantaggi. Come per esempio maggiore resistenza al fading ed eccellente modulabilità. Per un ulteriore miglioramento della risposta dei freni alle elevate temperature, i freni Performance sono dotati di speciali pastiglie sull’asse anteriore. Sempre a richiesta pneumatici semi slick e pacchetto Performance. Quest’ultimo prevede eliminazione della limitazione della velocità, impianto frenante Performance. E ancora un’ulteriore labbro sullo spoiler sul tetto e a scelta cerchi in lega leggera da 19 pollici Spielberg o Pretoria.

Ultima modifica: 12 aprile 2017

In questo articolo